Università d’Annunzio: Niente stipendi per Pasqua

uda-pescara

Università d’Annunzio: Niente stipendi per Pasqua. L’amara sorpresa non solo per i lavoratori Ima, ma anche per tutto il personale che non si serve alla Banca di riferimento dell’Ateneo Teatino.

La pausa pasquale farà slittare l’accreditamento non prima del 29 marzo, in 50 anni di vita, dicono i lavoratori, un fatto simile non era mai accaduto. I Sindacati, già sul piede di guerra per le note vicende, hanno diffuso una nota durissima nei confronti dei vertici amministrativi dell’Università, in particolare nei confronti del Direttore Generale Filippo Del Vecchio che, a differenza di altre circostanze, questa volta si é scusato per il disagio addebitando le responsabilità alla filiale bancaria di Chieti Scalo che non sarebbe stata in grado di programmare i flussi dimenticandosi che il Venerdì Santo é considerato giorno festivo nel sistema europeo dei pagamenti.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Università d’Annunzio: Niente stipendi per Pasqua"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*