Unite, Luciano D’Amico il bilancio fine mandato

All’Unite ultima conferenza di fine anno per il Rettore Luciano D’Amico: nel 2018 dovrà lasciare l’ateneo teramano per fine mandato

Il Rettore ha voluto ripercorrere fatti e circostanze che evidenziano come è cambiato l’ateneo in questi anni. Oggi l’Unite è un’università giovane e dinamica dove si può conseguire la laurea triennale prima di avere compiuto 23 anni. Il raddoppio del Polo scientifico, l’ex manicomio,  i laboratori dell’Izs, lo studentato di viale Crucioli sono solo alcuni dei bandi già partiti, anche se il Rettore si rammarica per la mancata funivia. D’Amico ha parlato anche di rapporto difficile con il Comune e la città, ma ha aggiunto che nonostante tutto si è riusciti ad andare avanti, innovando senza vittimismi. Tra gli ultimi obiettivi raggiunti c’è anche l’accreditamento ottenuto per la qualità dell’ateneo teramano.

 

L'autore

Federico Di Luigi
Nato a Teramo, iscritto all’albo dei giornalisti dal 2010, in questo anno inizia il lavoro di giornalista presso la redazione dell’emittente televisiva TVSei, nel 2012 entra a far parte come giornalista ed amministratore di un nuovo progetto editoriale “Latv dell’Adriatico” carica che a tutt'oggi ricopre. Dal 2013 lavora con Rete8 ricoprendo il ruolo di responsabile della redazione giornalistica di Teramo

Sii il primo a commentare su "Unite, Luciano D’Amico il bilancio fine mandato"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*