Turista violentata a San Benedetto dei Marsi: tre minorenni a processo

violenza-su-donne

Turista violentata a San Benedetto dei Marsi: tre minorenni a processo per abusi sessuali su una diciassettenne.

Tre minorenni di San Benedetto dei Marsi avrebbero costretto una turista italo americana diciassettenne a bere vodka fino ad ubriacarsi e poi avrebbero abusato di lei. I fatti risalgono ai primi di luglio del 2011. I tre giovani sono stati rinviati a giudizio dal tribunale per i minori de L’Aquila con l’accusa di violenza sessuale di gruppo .Un quarto giovane che oggi ha 24 anni è stato, invece, prosciolto dal tribunale di Avezzano. Due dei ragazzi avevano 16 anni . La ragazza era arrivata nel paese della provincia de L’Aquila per trascorrere una vacanza dai nonni. Aveva conosciuto i ragazzi alla villa comunale mentre era in compagnia della cugina. Tutti avevano iniziato a bere vodka e si erano diretti  prima verso un locale e poi in aperta campagna. La violenza sarebbe avvenuta nei pressi di una cava dove i presunti aggressori avrebbero costretto la ragazzina a subire violenze sessuali dandole calci alle gambe. Poi l’avrebbero accompagnata a casa dove il giovane maggiorenne , che è stato prosciolto dall’accusa, l’avrebbe palpeggiata mentre ,insieme alla sua fidanzata , cercava di aiutarla visto che era ancora in stato confusionale. Quando la vittima delle violenze  ha raccontato ad uno zio l’accaduto è scattata la denuncia. Dagli Stati Uniti ha confermato le accuse nei confronti dei tre minorenni ma non del quarto giovane. Il processo è stato fissato a settembre.

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Turista violentata a San Benedetto dei Marsi: tre minorenni a processo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*