Turismo in Abruzzo: L’allarme di Confartigianato

Turismo in Abruzzo: L’allarme di Confartigianato sui dati dell’Enit che vedono la nostra Regione in caduta libera per quel che riguarda le presenze e gli arrivi.

Un calo preoccupante di qualità e servizi che fa venire meno l’identità del territorio in una Regione, sottolinea Confartigianato, scesa al 18esimo posto in Italia per quel che riguarda arrivi e presenze di turisti stranieri.  Nel 2014 -7,7% di arrivi e -11,2%  di presenze:

“Un paradosso per una regione con mare e montagne straordinarie, tre parchi nazionali, un patrimonio enogastronomico apprezzato nel mondo, paesaggi che soddisfano ogni tipo di turismo, sportivo, religioso, culinario – dice Luca Di Tecco presidente regionale di Confartigianato – Siamo ad un punto di non ritorno, non siamo solo preoccupati, ma anche esausti dei continui litigi tra schieramenti politici, situazione che va avanti da almeno 10 anni. La Regione deve fare la sua parte.”

Sii il primo a commentare su "Turismo in Abruzzo: L’allarme di Confartigianato"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*