Torino di Sangro: i cinque profughi espulsi ricorrono al Tar

immigrati-brianza

I cinque profughi espulsi dal centro di accoglienza a Torino di Sangro ricorrono al Tar . Ora dormono in strada.

Vivono in strada, sotto i ponti , abbandonati a loro stessi. Gli avvocati dei cinque immigrati espulsi dal centro di accoglienza a Torino di Sangro annunciano ricorso al Tar contro i provvedimenti disposti nei confronti degli extracomunitari. Sono senegalesi e ghanesi arrivati in Abruzzo per trovare un futuro migliore rispetto alla drammatica situazione esistente nei loro paesi di origine. Dopo il blitz della polizia sono stati portati a Lanciano in commissariato e da quel momento nessuno si è più occupato di loro, dicono i loro legali i quali affermano che non è neppure ben chiaro il motivo dell’espulsione dei loro assistiti dal centro di accoglienza Hotel Lecceta di Torino di Sangro. I cinque affermano di non sapere perchè siano stati cacciati. Un eventuale rimpatrio , sempre secondo gli avvocati dei profughi in questione, sarebbe devastante perchè nei loro paesi rischierebbero il carcere.

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Torino di Sangro: i cinque profughi espulsi ricorrono al Tar"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*