Tollo e Miglianico: attenti al finto medico in giro per le case

I sindaci di Tollo e Miglianico Angelo Radica e Fabio Adezio lanciano un appello ai cittadini invitandoli a non far entrare in casa una donna che si spaccia per medico inviato dal Comune per effettuare visite a domicilio.

Sono arrivate diverse segnalazioni riguardanti una donna ben vestita che bussa alle porte della abitazioni soprattutto degli anziani e sostenendo di essere un medico mandato dal Comune per visitarli e controllare le loro condizioni di salute tenta di entrare. I due Sindaci spiegano di non aver incaricato nessuno a svolgere questo servizio invitano tutti ad essere attenti perchè si tratta certamente di una persona malintenzionata che cerca di carpire la fiducia di ingenui con fini fraudolenti. A Tollo secondo alcune testimonianze sarebbero due le donne in giro per il paese e una delle lestofanti sarebbe di media altezza che indossava gonna nera, maglioncino bianco ed aveva in mano un piccolo quaderno mentre una complice la aspetterebbe in macchina.

Il sindaco Adezio sulla sua pagina Facebook ha scritto: “È una truffa; non consentite l’ingresso nelle vostre abitazioni a queste persone e chiamate subito le forze dell’ordine”.

Un fenomeno che desta preoccupazione tra la popolazione e che si aggiunge al fenomeno dei furti nelle abitazioni di anziani che vivono soli. In contrada Venna, per esempio, un anziano è stato derubato già tre volte da ignoti che sono entrati nella sua casa mentre lui stava svolgendo lavori agricoli in vicini appezzamenti di terreno. Quindi furti compiuti in pieno giorno e quasi ” sotto il naso” del malcapitato.

L’anziano a rete8.it ha dichiarato: ” la prima volta mi hanno portato via i pochi oggetti in oro che possedevo e denaro in contanti. Altre volte hanno prelevato pochi soldi. Ora sappiano che non c’è trippa per gatti e che, se tornano nuovamente, perderanno soltanto il loro tempo perchè troveranno un pugno di mosche!”.

Sii il primo a commentare su "Tollo e Miglianico: attenti al finto medico in giro per le case"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*