Terremoto: lago di Scanno, interrogazione dell’on Melilla

Il deputato di Sinistra Italiana Melilla presenta una interrogazione sull’abbassamento del lago di Scanno in seguito al terremoto del 24 agosto.

Il deputato di Sinistra Italiana Gianni Melilla ha presentato una interrogazione a risposta scritta al Ministro dell’Ambiente e al Ministro delle Infrastrutture per chiedere interventi in favore del lago di Scanno che si è abbassato di 3 metri dopo il terremoto che il 24 agosto ha colpito il Centro Italia.

Nella interrogazione il parlamentare abruzzese scrive: “premesso che: a poche ore dal terremoto del 24 agosto che ha interessato l’Appennino Centrale, il lago di Scanno, in provincia dell’Aquila, si è abbassato di circa 3 metri; il lago di Scanno si formò a seguito di una grande frattura del Monte Genzana; il lago di Scanno rappresenta una delle più rilevanti bellezze paesaggistiche del nostro Paese; grande è la preoccupazione tra i cittadini di Scanno e dell’intero Abruzzo per gli effetti di questo fenomeno naturale; se sono stati predisposti degli studi per conoscere i motivi di questo fenomeno naturale e della sua possibile relazione con il terremoto del 24 agosto; si chiede se si intende predisporre conseguentemente un intervento per evitare possibili danni ad  un lago tra i più caratteristici e belli d’ Italia “.

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Terremoto: lago di Scanno, interrogazione dell’on Melilla"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*