Terremoto in Abruzzo, dipendenti Regione non salgono in ufficio

Terremoto in Abruzzo, dipendenti Regione non salgono in ufficio. Questa mattina alcuni dipendenti della sede di Pescara si sono rifiutati per problematiche alla struttura.

Questa mattina all’apertura degli uffici della sede della Regione Abruzzo di viale Raffaello, alcuni dipendenti hanno deciso di non salire negli uffici dopo il sisma di ieri mattina, e alla luce di qualche problematica che sarebbe emersa nella struttura già dopo il terremoto dello scorso 26 ottobre con le due scosse delle 19 e delle 21.18. La sede della Regione è stata fatta oggetto di una visita anche di alcuni tecnici del Genio Civile. Altri dipendenti sono invece saliti regolarmente nei rispettivi uffici. I dipendenti hanno anche incontrato il capo di gabinetto della Regione Fabrizio Bernardini e sulla situazione l’amministrazione ha interessato i tecnici del Genio civile, quelli del Servizio patrimonio e della Protezione civile nonché tutti i direttori e dirigenti interessati. Lo ha reso noto lo stesso Bernardini. Dopo l’ispezione i tecnici hanno confermato che gli stabili non hanno subito aggravi o peggioramenti rispetto alla situazione ante sisma, registrando soltanto lesioni non strutturali.

Sii il primo a commentare su "Terremoto in Abruzzo, dipendenti Regione non salgono in ufficio"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*