Terremoto Centro Italia: nuovi accessi in ospedale a L’Aquila

L'ospedale oggi

 Nuovi accessi al pronto soccorso dell’ospedale de L’Aquila inseguito al terremoto che ha interessato il Centro Italia e in particolare Amatrice.

Altri 4 accessi, nella giornata di ieri, al pronto soccorso dell’ospedale ‘San Salvatore’ dell’Aquila in conseguenza del sisma che il 24 agosto ha colpito il Centro Italia e in particolare Amatrice. Si tratta di una donna colpita da infarto, ricoverata all’Utic, e di un uomo che ha riportato la frattura del tendine d’achille che si trova nel reparto di  ortopedia. Altri due feriti, che avevano pero’ lesioni leggere, come escoriazioni e contusioni, sono stati dimessi nella stessa giornata di ieri dopo essere stati medicati al pronto soccorso. Sono 56 le persone che sono state trasportate all’ospedale aquilano dall’inizio del sisma. E’ stazionaria, e quindi ferma al bollettino medico di ieri, la situazione dei 3 feriti gravi, attualmente ricoverati in rianimazione. I 3 restano in condizioni critiche, ma con lievi miglioramenti negli ultimi 2 giorni. Sono il titolare dell’albergo ‘Roma’ di Amatrice (sindrome schiacciamento con complicazioni vascolari e renali), una giovane romena (schiacciamento) e un uomo di 94 anni (trauma toracico). Altri due degenti, non gravi, sono ricoverati da alcuni giorni in neurochirurgia e registrano i miglioramenti.

Nella nota della Asl si legge che “Ieri, intanto, altri 3 pazienti sono stati ricoverati a ortopedia per lesioni o fratture a polso o gomito. Sul piano dell’organizzazione e della capacita’ di dare immediata risposta all’emergenza  sin dall’alba del 24 agosto scorso, giorno della prima scossa ad Amatrice, l’ospedale di L’Aquila ha superato a pieni voti la prova. A partire dalle 4 di mercoledi’ scorso si e’ messa in moto l’unita’ di crisi del San Salvatore, alla presenza del manager dell’azienda sanitaria, Rinaldo Tordera, e del gruppo di lavoro di medici e operatori sanitari, con in prima fila Luigi Valenti, primario del pronto soccorso, il servizio che ha dovuto reggere l’onda d’urto dell’emergenza delle prime ore, la piu’ acuta e impegnativa. La poderosa macchina del soccorso dell’ospedale ha impegnato il 24 agosto scorso, giornata di massimo afflusso di feriti, 17 medici, 18 infermieri e 19 ausiliari, per un totale di 54 operatori. Turni raddoppiati, ritmi di lavoro vertiginosi e, in alcuni casi, medici in pista per quasi 17 ore consecutive, dalle 4 alle 21. Gran lavoro anche del 118 della Asl che, con una propria ambulanza, e’ stato forse il primo a giungere ad Amatrice: infatti, 14 minuti dopo la prima scossa delle 3.36, un mezzo della postazione del 118 di Montereale ha portato i primissimi soccorsi alle popolazione terremotate. Due mezzi di elisoccorso e 10 ambulanze del 118 mobilitate senza sosta per fronteggiare la prima, eccezionale ondata di emergenza, con la lunga teoria dei feriti che dall’alba del 24 agosto affluivano continuamente al pronto soccorso “.

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Terremoto Centro Italia: nuovi accessi in ospedale a L’Aquila"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*