Teramo, una città sommersa dalla plastica

Dopo lo sciopero dei dipendenti dell’igiene urbana di lunedì scorso, la città di Teramo e soprattutto le sue frazioni sono ancora invase dalle buste di raccolta della plastica lungo le strade.

In città uno dei quartieri più colpiti è senza ombra di dubbio quello della Gammarana, dove i cittadini da giorni chiedono aiuto, perché costretti a convivere con i sacchi della plastica e del barattolame.
La TeAm in questi giorni ha ritirato solo una minima parte dei sacchi, ma solo in centro storico. Una situazione difficile, visto che con ogni probabilità i sacchi gialli lasciati sul ciglio della strada verranno ritirati solo nella giornata di lunedì, giorno della plastica sul nuovo calendario della Teramo ambiente.

L'autore

Federico Di Luigi
Nato a Teramo, iscritto all’albo dei giornalisti dal 2010, in questo anno inizia il lavoro di giornalista presso la redazione dell’emittente televisiva TVSei, nel 2012 entra a far parte come giornalista ed amministratore di un nuovo progetto editoriale “Latv dell’Adriatico” carica che a tutt'oggi ricopre. Dal 2013 lavora con Rete8 ricoprendo il ruolo di responsabile della redazione giornalistica di Teramo

Sii il primo a commentare su "Teramo, una città sommersa dalla plastica"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*