Teramo, troppi ” Robin Hood ” per i consumatori

pasquale-di-ferdinando-rete8

In questi giorni sono arrivate numerose segnalazioni all’Associazione dei Consumatori  Robin Hood di Teramo, per delle pubblicità  apparse sui porta riviste presenti nei bar della città.

In questi spazzi pubblicitari sono stati  inseriti il nome e il logo dell’associazione teramana. Per questo motivo il presidente Pasquale di Ferdinando ha voluto  fare chiarezza sulla vicenda prendendo le distanze da queste pubblicità che potrebbero facilmente portare in errore i lettori convinti di affidarsi all’associazione presente sul territorio provinciale da 10 anni e non ad un’altra struttura.

Pasquale Di Ferdinando Presidente Associazione Consumatori ” Robin Hood “: “Questo chiarimento è importante per tutti i nostri associati, non perché noi non operiamo in questa materia, anzi sono dieci anni che assistiamo cittadini proprio per recuperare somme dalle banche per interessi non dovuti. Non è stata  l’associazione Robin Hood di via Flajani ad aver messo in giro questi volantini. Abbiamo approfondito, contattando il numero di telefono presente sul volantino e siamo risaliti al professionista che si occupa di fornire assistenza legale e contabile.”

L'autore

Federico Di Luigi
Nato a Teramo, iscritto all’albo dei giornalisti dal 2010, in questo anno inizia il lavoro di giornalista presso la redazione dell’emittente televisiva TVSei, nel 2012 entra a far parte come giornalista ed amministratore di un nuovo progetto editoriale “Latv dell’Adriatico” carica che a tutt'oggi ricopre. Dal 2013 lavora con Rete8 ricoprendo il ruolo di responsabile della redazione giornalistica di Teramo

Sii il primo a commentare su "Teramo, troppi ” Robin Hood ” per i consumatori"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*