Teramo: Tordino in piena, danni sul lungo fiume

A Teramo l’ultima ondata di maltempo ha causato danni sul caratteristico anello verde della città stiamo parlando del lungo fiume.

Una situazione che purtroppo non è la prima volta che accade, questo perché le abbondanti piogge di questi ultimi giorni hanno provocato un aumento della portata  delle acque del Tordino, che hanno eroso il terrapieno che reggeva la pista. Un pericolo per i numerosi fruitori del parco, soprattutto per i ciclisti. Ma oltre a questo punto è stato chiuso un’altro tratto del percorso,  situato nei pressi del Ponte a Catena, dove un palo delle telefonia della Telecom è finito in acqua mentre un secondo è stato spezzato ma è rimasto pericolante per la tensione creata dal cavo finito in acqua. Il cedimento della palificazione è conseguenza dell’erosione di una sponda del fiume, dovuta all’innalzamento del livello dell’acqua. In considerazione della situazione di pericolo, i vigili del fuoco hanno provveduto a bloccare il transito sul percorso del parco fluviale, posizionando il nastro segnaletico e hanno informato la Telecom, che oggi era già a lavoro  per sistemare la linea telefonica interessata dal dissesto del terreno. Dunque possiamo dire che uno dei percorsi verdi più belli della città di Teramo sta candendo letteralmente a pezzi, una situazione che ci si augura che la prossima amministrazione cittadina vorrà mettere una volta per tutte in sicurezza per far si che l’anello verde non venga perduto del tutto.

IL SERVIZIO DEL TG8:

L'autore

Federico Di Luigi
Nato a Teramo, iscritto all’albo dei giornalisti dal 2010, in questo anno inizia il lavoro di giornalista presso la redazione dell’emittente televisiva TVSei, nel 2012 entra a far parte come giornalista ed amministratore di un nuovo progetto editoriale “Latv dell’Adriatico” carica che a tutt'oggi ricopre. Dal 2013 lavora con Rete8 ricoprendo il ruolo di responsabile della redazione giornalistica di Teramo

Sii il primo a commentare su "Teramo: Tordino in piena, danni sul lungo fiume"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*