Teramo: Ipersimply Sma chiude, la protesta dei 53 dipendenti

iper-simply1

Il punto vendita Ipersimply Sma di Piano d’Accio a Teramo chiuderà il prossimo 30 settembre e i 53 dipendenti sono in sciopero. Oggi, 8 settembre, presidio davanti al centro commerciale.

Un centinaio di persone ha preso parte alla manifestazione davanti all’Iper Simply di Teramo in concomitanza con lo sciopero dei dipendenti contro la chiusura del supermercato. Ad esprimere la loro solidarietà anche diversi clienti che hanno fatto come di consueto la spesa, ma hanno poi abbandonato il carrello pieno davanti alle casse in segno di protesta. Solidarietà anche da parte delle istituzioni, con la presenza del sindaco di Teramo, Gianguido D’Alberto, della vicesindaca Maria Cristina Marroni, del presidente della Provincia Renzo Di Sabatino e di diversi assessori. “Il 5 settembre la SMA ha comunicato durante un’assemblea con i lavoratori, senza alcun confronto preventivo con dipendenti e sindacati, la decisione di chiudere il punto vendita a fine mese”, hanno spiegato in una nota congiunta Emanuela Loretone della Filcams Cgil e Luca Di Polidoro della Fisascat Cisl. I sindacati hanno contestato la chiusura chiedendo all’azienda di assumersi la responsabilità dei 53 dipendenti. “Di fronte alla risposta negativa dei dirigenti aziendali che hanno offerto come unica soluzione proposte di trasferimento, in realtà non concretamente prospettate e che avrebbero l’unico effetto di impoverire i lavoratori, prevalgono lo sconforto e la rabbia di chi ha appena ricevuto il benservito da un’azienda che ha deciso, aldilà delle finte proposte di ricollocazione, di mettere alla porta i propri dipendenti – aggiungono i sindacalisti annunciando iniziative per la costituzione di un tavolo istituzionale con Comune di Teramo, Provincia e Regione, per scongiurare i licenziamenti”. I sindacati Filcams Cgil e Fisascat Cisl, che hanno organizzato la lotta sindacale, parlano di proposte irricevibili di trasferimento in altre sedi nell’area, che va da Forlì a Pescara, con costi improponibili per chi ha un posto fisso, in special modo per chi lo ha a tempo parziale. Un tavolo alla presenza del servizio delle Relazioni industriali della Provincia potrebbe tenersi già nella giornata di mercoledì prossimo, a Teramo o a Pescara, con a partecipazione del presidente facente funzioni della Regione, Giovanni Lolli. Un ordine del giorno straordinario congiunto verrà portato all’approvazione del consiglio comunale di Teramo, martedì prossimo dal capogruppo di Insieme Possiamo, Andrea Core. Sulla vicenda ha espresso la sua solidarietà la deputata Dem abruzzese Stefania Pezzopane, che ha annunciato anche la presentazione di una interrogazione al Governo sulla vicenda occupazionale.

 

IL SERVIZIO DEL TG8:

Sii il primo a commentare su "Teramo: Ipersimply Sma chiude, la protesta dei 53 dipendenti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*