Teramo: Ipersilmply, il sindacato chiede il rispetto degli accordi

ipersimply-incontro11

A distanza di qualche mese della vertenza Ipersimply a Teramo, dopo la chiusura del punto vendita di Piano d’Accio, torna ad occuparsi il tavolo istituzionale.

Con il ricorso, in parte alla cassa integrazione e in parte ad alcuni trasferimenti proposti da Sma Auchan, titolare del marchio, le cose non sembrano andare secondo quanto concordato tra tutte le parti. In particolare pare che sia stato messo in discussione l’innalzamento dell’orario di lavoro nei confronti dei dipendenti in esubero che hanno accettato i trasferimenti.

 I sindacati hanno, inoltre, rilevato che ai lavoratori full time, contrariamente a quanto concordato, vengono assegnate turnazioni che li costringono a rimanere fuori casa dalle 5:00 del mattino alle 22 di sera. Tali iniziative aziendali rendono impossibile ai lavoratori di riuscire a sostenere il peso dei trasferimenti.

Per tutte queste ragioni e per verificare le attività istituzionali volte alla riconversione dell’area occupata dall’Iper Simply la riunione è stata riconvocata per il giorno 27 febbraio, data nella quale l’azienda dovrà fornire una proposta utile a recuperare le mancanze di questi giorni.

IL SERVIZIO DEL TG8:

Sii il primo a commentare su "Teramo: Ipersilmply, il sindacato chiede il rispetto degli accordi"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*