Teramo, ex lavoratori CSA a rischio ammortizzatori

Grande preoccupazione tra le organizzazioni sindacali per la situazione in cui si trovano gli ex dipendenti del CSA, il Consorzio Stabile Ambiente dell’Aquila che ha gestito per quasi due anni l’impianto tecnologico di Grasciano del Cirsu.

Una storia complessa quella del Cirsu, culminata dapprima con il fallimento del suo braccio operativo, la Sogesa, nel giugno del 2012, e di conseguenza con il fallimento del Consorzio stesso con sentenza a settembre del 2015. Successivamente, l’impianto, attraverso una gara ad evidenza pubblica, è stato affidato al CSA quando, anche in questo caso attraverso una gara ad evidenza pubblica, è stato ceduto alla società Deco spa. Sono ben 29 le persone che rischiano di rimanere senza alcun sostegno. A denunciare la situazione la Fp Cgil e Femca Cisl.

Il Servizio del Tg8:

Sii il primo a commentare su "Teramo, ex lavoratori CSA a rischio ammortizzatori"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*