Teramo, “degrado” al cimitero di Cartecchio

Al cimitero teramano di Cartecchio, nonostante i lavori completati a fine ottobre che hanno permesso la riapertura di alcuni padiglioni, la situazione è ancora molto difficile.

Una condizione fortemente aggravata a causa dagli ultimi eventi sismici che hanno obbligato anche alla chiusura di diversi padiglioni classificati “E”. Situazione complessa su cui la Teramo Ambiente, la società che ha in gestione i servizi cimiteriale sta lavorando alacremente per migliorare la situazione. Il  nuovo Ad della Te.Am., Pietro Pelagatti,  sta lavorando per fornire un servizio migliore ai cittadini teramani,  nonostante le centinaia di migliaia di euro di morosità che di certo pesano sul servizio.

“Stiamo cercando di ridare dignità al cimitero anche coi limiti finanziari. Stiamo predisponendo per il sabato il  trasporto all’interno di Cartecchio con auto recanti contrassegni autorizzati e non macchine da golf. Inoltre stiamo procedendo all’informatizzazione e alla realizzazione di un’anagrafe che eviterà così che alcuni parenti dei defunti non trovino più la tomba dei loro cari.”

IL SERVIZIO DEL TG8:

L'autore

Federico Di Luigi
Nato a Teramo, iscritto all’albo dei giornalisti dal 2010, in questo anno inizia il lavoro di giornalista presso la redazione dell’emittente televisiva TVSei, nel 2012 entra a far parte come giornalista ed amministratore di un nuovo progetto editoriale “Latv dell’Adriatico” carica che a tutt'oggi ricopre. Dal 2013 lavora con Rete8 ricoprendo il ruolo di responsabile della redazione giornalistica di Teramo

Sii il primo a commentare su "Teramo, “degrado” al cimitero di Cartecchio"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*