Teramo, Cirsu confermato il fallimento e ora?

I giudici della Sezione civile della Corte d’Appello dell’Aquila hanno rigettato il ricorso presentato dai sindaci dei comuni che fanno parte del Cirsu.

I sei Sindaci avevano presentato mesi fa il ricorso contro la sentenza del tribunale di Teramo che aveva stabilito, nel settembre dello scorso anno, il fallimento della società consortile formata dai comuni di Giulianova, Bellante, Morro d’Oro, Notaresco, Mosciano e Roseto. La vicenda è scaturita a causa del debito di 2,2 milioni di euro accumulati negli anni dal Cirsu nei confronti dell’AIA (Abruzzo igiene ambiente), che fino al 2011 è stata la parte privata della Sogesa, società  addetta sia  alla raccolta dei rifiuti nei Comuni consorziati che alla gestione del polo di Grasciano.

L'autore

Federico Di Luigi
Nato a Teramo, iscritto all’albo dei giornalisti dal 2010, in questo anno inizia il lavoro di giornalista presso la redazione dell’emittente televisiva TVSei, nel 2012 entra a far parte come giornalista ed amministratore di un nuovo progetto editoriale “Latv dell’Adriatico” carica che a tutt'oggi ricopre. Dal 2013 lavora con Rete8 ricoprendo il ruolo di responsabile della redazione giornalistica di Teramo

Sii il primo a commentare su "Teramo, Cirsu confermato il fallimento e ora?"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*