Teramo, cadavere dimenticato in frigo per un mese

La famiglia, o meglio il suo figliastro non ha i soldi necessari per pagare i funerali e la salma di un uomo rimane per un mese dentro una cella frigorifera dell’obitorio dell’ospedale Mazzini di Teramo.

E’ questa la triste storia  di un ottantenne teramano deceduto il 29 di agosto scorso, dimenticato perché non ci sono i soldi per una degna sepoltura. Una vicenda segnalata da Renato Pilogallo, noto operatore culturale teramano, all’ex assessore al comune di Teramo Piero Romanelli, di cui a sua volta si è fatto tramite tra Comune e ASL per risolvere questa triste vicenda.

Guarda il Servizio del Tg8:

L'autore

Federico Di Luigi
Nato a Teramo, iscritto all’albo dei giornalisti dal 2010, in questo anno inizia il lavoro di giornalista presso la redazione dell’emittente televisiva TVSei, nel 2012 entra a far parte come giornalista ed amministratore di un nuovo progetto editoriale “Latv dell’Adriatico” carica che a tutt'oggi ricopre. Dal 2013 lavora con Rete8 ricoprendo il ruolo di responsabile della redazione giornalistica di Teramo

Sii il primo a commentare su "Teramo, cadavere dimenticato in frigo per un mese"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*