Teramo, Arco Consumatori contro la Ruzzo

Sono critiche pesanti quelle che l’Associazione Arco Consumatori Abruzzo ha rivolto alla Ruzzo Reti, in particolare alle ultime scelte apportate dall’ente.

“L’allargamento del Cda alla Ruzzo Reti porterà dei vantaggi visto e considerato la già difficile situazione in cui naviga la società acquedottistica? Questa è una delle domande che  si è posta l’associazione Arco consumatori Abruzzo. Ma il problema ad oggi più grande della Ruzzo secondo il presidente dell’associazione dei consumatori Franco De Angelis è quello rivolto al piano industriale dell’ente, un piano che non contiene sia i correttivi strategici utili a risolvere le carenze idriche strutturali, che un piano adeguato rivolto al miglioramento dell’assetto debitorio che ad oggi ammonta circa 90 milioni di euro.

Franco De Angelis presidente di Arco Consumatori Abruzzo “I milioni di deficit non si possono azzerare con l’aumento delle tariffe, ma solo con lo sfruttamento delle potenzialità idriche che con il primo lotto si è creata e con un accurato restyling del management e della pianta organica. inoltre il tanto lodato piano industriale non avrebbe quei correttivi strategici utili a risolvere le carenze idriche strutturali né misure chiare per un efficiente riassetto societario”.

 

L'autore

Federico Di Luigi
Nato a Teramo, iscritto all’albo dei giornalisti dal 2010, in questo anno inizia il lavoro di giornalista presso la redazione dell’emittente televisiva TVSei, nel 2012 entra a far parte come giornalista ed amministratore di un nuovo progetto editoriale “Latv dell’Adriatico” carica che a tutt'oggi ricopre. Dal 2013 lavora con Rete8 ricoprendo il ruolo di responsabile della redazione giornalistica di Teramo

Sii il primo a commentare su "Teramo, Arco Consumatori contro la Ruzzo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*