Tentato omicidio ad Alvito: Eramo stava per costituirsi

Tentato omicidio ad Alvito: Eramo stava per costituirsi, il 50enne avezzanese commerciante di tartufi rintracciato nei pressi della caserma dei carabinieri di Sora.

La vittima, la 33enne di origini lituane, Vaida Petratite, invece, resta in prognosi riservata al reparto di Chirurgia di una clinica romana, dopo che i medici, al termine di un delicato intervento, sono riusciti ad estrarre la pallottola che le ha sfiorato il fegato. La donna ha perso, però, molto sangue e non é stata ancora dichiarata fuori pericolo di vita. Per Mario Eramo, il 50enne avezzanese residente, però, da anni nel frusinate, si sono invece aperte le porte del carcere di Cassino dove resterà almeno fino alla convalida prevista nelle prossime ore. Dovrà rispondere di tentato omicidio e porto abusivo di arma da fuoco, visto che ha sparato con una semiautomatica calibro 9 con matricola abrasa. Con il passare delle ore, per gli inquirenti, si é chiarita la dinamica dell’accaduto: erano da poco passate le 22.00 di sabato sera, al termine di una cena ad Alvito, in Provincia di Frosinone, con alcuni familiari, Eramo e la sua compagna, Vaida Petratite, si sono appartati per discutere, i due da tempo erano in crisi per presunte scappatelle da parte di entrambi. Al culmine della lite l’uomo ha preso la pistola e le ha sparato all’addome. E’ stato il fratello di Eramo a chiamare immediatamente i soccorsi, sul posto il personale del 118 che ha da subito cercato di tamponare la forte emorragia, all’arrivo, però, dei carabinieri di Sora, tutti erano spariti. Sono scattate le ricerche ad ampio raggio, sia nel frusinate, ma anche ad Avezzano, tuttavia poco dopo la mezzanotte, forse perché si é sentito braccato, Mario Eramo é stato rintracciato a poca distanza dalla Caserma dei Carabinieri di Sora dove si stava recando per costituirsi. Intanto l’abitazione di Avezzano dove i due vivevano é stata sottoposta a perquisizione alla ricerca di altri elementi utili alle indagini affidate al Pm Roberto Burlgarini Nomi della Procura di Cassino.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Tentato omicidio ad Alvito: Eramo stava per costituirsi"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*