Targhe alterne, autisti autobus: “Come andremo a lavorare?”

autista-autobus1

Targhe alterne a Pescara: gli autisti degli autobus precisano di non essere inseriti nelle categorie fuori dal divieto: “Come andremo a lavoro e come garantiremo le corse?”

Tra le categorie fuori dal divieto delle targhe alterne a Pescara, non ci sono gli autisti degli autobus che, dunque, con le loro auto private non possono raggiungere agevolmente il posto di lavoro, in quanto non esentati. Questo fanno notare alcuni lavoratori della Sangritana che si chiedono come faranno ad arrivare sul posto di lavoro per garantire le corse. Un dubbio che per la verità lascia pensare, visto che i mezzi pubblici, anche e soprattutto nei giorni delle targhe alterne, diverranno preziosi per i cittadini. Sì, ma spiegano gli autisti, di non essere messi in condizioni di andare a lavorare in maniera agevole, visto che c’è chi arriva da Lanciano, chi da Ortona, chi da altri punti della regione. Se, dunque, gli autisti non sono esentati, come faranno a recarsi sul posto di lavoro? C’è chi “attacca” la mattina presto e prendere il treno o altre corse per arrivare a destinazione è quantomeno complicato. I conducenti dei mezzi pubblici sollevano questo problema e girano la questione direttamente al Comune.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

1 Commento su "Targhe alterne, autisti autobus: “Come andremo a lavorare?”"

  1. Prendete i mezzi pubblici come faranno anche le altre persone che vengono da fuori e hanno gli stessi disagi….
    Vi stet sempre a lamentare mo uno sciopero mo un’altro ma ritenetevi fortunati che avete un lavoro e anche ben retribuito qui c’è gente che come problema non è come andare a lavorare e che il lavoro non c’è l’ha proprio…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*