Taglio alberi a Pescara: Smaltimento a carico del Comune?

Taglio alberi a Pescara: Smaltimento a carico del Comune? La domanda giunge dall’associazione “Pescara mi piace”, sul capitolato c’é scritto altro.

dalle foto allegate nel comunicato stampa si vede distintamente che le operazioni di smaltimento del legname potato e dei rami degli alberi abbattuti in Via Scarfoglio vengono effettuate dagli operai di Attiva, questo sarebbe in contrasto con quanto indicato nel capitolato d’appalto nel quale si precisa che lo smaltimento e relative spese devono essere a carico della ditta che sta effettuando i lavori nei vari viali della città.

“A questo punto chiediamo: chi pagherà i costi dello smaltimento del materiale? Dove sono i pezzi di carta che giustificano tale cambio di programma? E dove finirà tutta la legna tagliata? Domande che rivolgeremo anche ad altre Istituzioni per avere risposte”.

A dirlo sono stati l’avvocato Berardino Fiorilli e Armando Foschi, esponenti dell’Associazione ‘Pescara – Mi piace’, mobilitata contro lo scellerato abbattimento del patrimonio arboreo della città.

“In questi ultimi giorni – hanno detto l’avvocato Fiorilli e Foschi – sono saltate tutte le regole del confronto democratico: il sindaco Alessandrini che assume impegni precisi con 100 cittadini in Consiglio comunale e poi li cancella come se nulla fosse; il sindaco Alessandrini e l’assessore Di Pietro che rifiutano il confronto, schernendo i cittadini in protesta che, a loro giudizio, non ‘avrebbero le qualifiche professionali necessarie per quel confronto’, dimenticando che il sindaco Alessandrini è un avvocato e l’assessore Di Pietro una giornalista, entrambi privi di qualsivoglia preparazione tecnica sull’abbattimento degli alberi. Il taglio indiscriminato degli alberi anche dopo che alcune Associazioni hanno dimostrato errori macroscopici che hanno determinato l’abbattimento di piante sane anziché quelle presumibilmente a rischio, errori parzialmente arginati solo dopo l’incontro imposto dalla Sovrintendenza; le operazioni di cantiere portate avanti senza il supporto di qualsivoglia documento, a partire dall’ordinanza di chiusura delle strade interessate, che in via Scarfoglio è arrivata solo quando le motoseghe avevano già tagliato diversi alberi; l’assenza dai cantieri dei cartelli obbligatori anch’essi per legge riportanti il nome della ditta che si è aggiudicata l’appalto, l’importo e la durata dei lavori, il Direttore del cantiere, il Rup e il responsabile della sicurezza. Ma le anomalie purtroppo non sono finite: reperiti con molta fatica i documenti inerenti l’appalto, ne abbiamo lette le condizioni che attribuiscono chiaramente alla ditta aggiudicatrice l’onere di smaltire gli alberi tagliati, ovvero i tronchi, i rami e gli arbusti. Una previsione subito smentita in via Scarfoglio: mentre la ditta stava infatti tagliando le prime piante, è arrivato sul posto un camion della Attiva che con i propri operai ha prontamente raccolto il materiale tagliato, caricato sul mezzo pesante. E se la Attiva ha caricato la legna, tutto lascia desumere che i costi dello smaltimento saranno a carico della stessa azienda municipalizzata, ovvero del Comune di Pescara e dei cittadini che dopo il danno subiscono anche la beffa, ovvero i pescaresi che sono contrari all’abbattimento dei 121 alberi della città dovranno anche pagarne lo smaltimento, oltre che l’abbattimento stesso. Ma a questo punto i conti non tornano – hanno detto l’avvocato Fiorilli e Foschi -: se nell’appalto era espressamente previsto che l’importo totale di gara prevedesse anche le spese di smaltimento dei tronchi, perché ora la palla è passata alla Attiva? Chi ha disposto il cambio di programma? E dove sono le carte che esonerano eventualmente la ditta da tale compito, comunque compreso nel capitolato d’appalto? Ovviamente andremo in fondo anche a questa vicenda, che purtroppo presenta più di un’incongruenza, dalla relazione sbagliata alle ordinanze tardive sino alle determine poco chiare”.

 

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Taglio alberi a Pescara: Smaltimento a carico del Comune?"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*