Sulmona: un monumento per ricordare Fabrizia

Via libera del Comune di Sulmona al monumento  in ricordo di Fabrizia Di Lorenzo, la ragazza morta nell’attentato terroristico del 19 dicembre dell’anno scorso a Berlino.

A circa un anno dalla tragedia la sua città, Sulmona, la ricorda dedicandole un monumento. Fabrizia Di Lorenzo, sulmonese di 31 anni, ha perso la vita nell’attentato terroristico avvenuto il 19 dicembre del 2016 a Berlino. Era in un mercatino per acquistare dei regali di Natale da portare in Abruzzo. Laureata all’Università La Sapienza in mediazione linguistico- culturale, Fabrizia si era specializzata in Relazioni internazionali e diplomatiche a Bologna. In Germania era andata nell’ambito del progetto Erasmus e poi dopo alcune esperienze lavorative in Austria si era trasferita a Berlino . Intanto il comitato “Insieme per Fabrizia” terrà un incontro pubblico, il 18 dicembre, al teatro Caniglia al quale parteciperanno anche alcuni rappresentanti istituzionali. Entro la prossima primavera dovrebbe essere realizzato il monumento, per il quale è già arrivato l’ok del Comune, nell’area del Liceo Linguistico “G.B.Vico” in cui la ragazza si era diplomata.

Rosa Giammarco ,componente del Comitato spiega che non è solo un’iniziativa commemorativa ma ” un modo per invitare, soprattutto i giovani, a crescere nella cultura della non violenza. In occasione del primo anno dalla scomparsa di Fabrizia si terrà un concorso internazionale di opere d’arte, curato dall’architetto Sergio Pietraforte, per arrivare alla realizzazione di un monumento alla memoria. Parallelamente prosegue il percorso delle 10 borse di studio, già assegnate dall’Università dell’Aquila, sempre in memoria di Fabrizia. Il comitato intende portare avanti i suoi ideali . Per farlo in concreto è stata istituita una onlus a cui potrà essere devoluto il 5 per mille, con l’intento di raccogliere fondi per gli studi di ragazzi che non hanno adeguate possibilità economiche”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sii il primo a commentare su "Sulmona: un monumento per ricordare Fabrizia"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*