Sisma L’Aquila, familiari vittime chiedono che Bertolaso rinunci alla prescrizione

bertolasobertolaso

Le Associazioni dei familiari delle vittime del sisma de L’Aquila chiedono all’ex capo della Protezione Civile Bertolaso di rinunciare alla prescrizione del reato per cui è finito sotto processo.

Le Associazioni dei familiari delle vittime del sisma de L’Aquila del 6 aprile 2009 tornano a chiedere all’ex capo della Protezione Civile Guido Bertolaso, finito sotto processo insieme alla Commissione grandi rischi, di rinunciare alla prescrizione del reato, ora che ha ritirato la candidatura a sindaco di Roma.

In una nota le associazioni scrivono: “Adesso aspettiamo che Guido Bertolaso confermi e formalizzi la sua dichiarata rinuncia alla prescrizione proprio per dimostrare che le sue affermazioni in merito non costituivano mera propaganda elettorale per la candidatura a Sindaco di Roma.D’altro canto auspichiamo che la Politica, quella con la P maiuscola, si faccia parte diligente nel sollecitare Guido Bertolaso a formalizzare la rinuncia alla prescrizione presso il Tribunale di L’Aquila per impedire la strumentalizzazione mediatica di temi così importanti al solo squallido fine di accaparrare consenso. E’ giunta, dunque, l’ora della Verità sulla presunta rinuncia alla prescrizione da parte di Guido Bertolaso, verosimilmente anche grazie alle firme di 3000 cittadini aquilani e non aquilani e del Coordinamento Nazionale “ Noi non dimentichiamo “ che riunisce i familiari delle Vittime delle più grandi stragi italiane ” .

 

 

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Sisma L’Aquila, familiari vittime chiedono che Bertolaso rinunci alla prescrizione"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*