Silvana Pica: Tour de Force della Procura

Silvana Pica: Tour de Force della Procura di Pescara che tenta di recuperare il tempo perso in un’indagine che a distanza di 4 anni può ancora riservare sviluppi importanti.

Il magistrato Anna Rita Mantini questa mattina ha voluto fare ancora un punto della situazione ad una settimana, circa, dalla riapertura del caso della donna pescarese scomparsa nel gennaio del 2012, ascoltando nuovamente il cognato Marcello Berghella e fissando un nuovo calendario d’interrogatori affidati agli uomini della Squadra Mobile. L’appiglio tecnico per riaprire le indagini l’inchiesta a carico dell’ex marito Vincenzo Berghella che viaggia parallela ed é condotta dagli uomini della Guardia di Finanza. Sul vero e proprio “Cold case” relativo alla traduttrice pescarese, invece, gli uomini della Mobile stanno ripartendo da zero trovando piena disponibilità da parte del Sostituto Procuratore, cosa che non avvenne, probabilmente, 4 anni fa quando i carabinieri trovarono non poche resistenze in Procura ed addirittura uno di questi fu anche esonerato a proseguire le investigazioni. La complessa personalità di Silvana, evidentemente, favorì il pregiudizio tanto  da ipotizzare da subito un allontanamento volontario con probabile suicidio. Troppi gli elementi, invece, che fanno ipotizzare il contrario senza dimenticare il fatto che il corpo di Silvana non é stato mai trovato. Raffica d’interrogatori in questi giorni, ma anche il più stretto riserbo imposto dal Pm. Risulta siano già stati ascoltati Marcello Berghella, la padrona di casa di Silvana, un noto avvocato ed anche le due rumene coinquiline di Silvana, sulle quali, all’epoca, la Procura non approfondì abbastanza rispetto ad una loro condotta poco chiara. Altri interrogatori sono previsti nei prossimi giorni, mentre, dopo le nostre anticipazioni, anche le grandi testate nazionali stanno cominciando ad occuparsi della vicenda, speciali sono in programma nella prossima puntata di “Quarto Grado” e “Chi l’ha visto?”

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Silvana Pica: Tour de Force della Procura"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*