Shoah: Montesilvano, i treni della vergogna

treni-museo-montesilvano

A Montesilvano, quattro vagoni storici raccontano dei treni della vergogna, dove venivano trasportati i deportati verso il campo di Auschwitz. Oggi, Giornata della Memoria, per non dimenticare la Shoah.

Quattro vagoni, carri adibiti al trasporto del bestiame e delle merci, sono lì, al Museo del Treno di Montesilvano, per raccontate l’orrore della Shoah. Su questi vagoni, salvati dalla rottamazione dall’Amministrazione Gallerati, nel 2003, venivano trasportate le persone, ammassate e stipate peggio delle bestie, nel campi di sterminio di Auschwitz. Oggi, 27 gennaio, si ricorda la liberazione da parte delle forze alleate di quel campo, diventato il simbolo dell’orrore nazista che sterminò sei milioni di Ebrei, oltre a Rom, omosessuali, disabili, prigionieri politici. Il Museo del Treno di Montesilvano ha voluto conservare quelle carrozze che documentano forse più delle pagine dei libri di storia, come inconsapevoli innocenti venivano fatti salire su quelle carrozze e, ignari del loro destino, venivano mandati a morire. Foto d’epoca, all’interno dei vagoni, testimoniano i fiumi di persone, che venivano condotte sui treni verso il campo di Auschwitz. Il 27 gennaio del 1945, l’Armata Rossa liberò i pochi superstiti rimasti nel campo. In Abruzzo, 16 i campi di internamento, una delle regioni con il più alto numero di questi, scelta per via della conformazione e della scarsa densità, in alcune zone, della popolazione. Tuttavia non pochi Abruzzesi mostrarono di solidarizzare con le persone internate, con episodi di grande umanità e coraggio dimostrati dagli abitanti dei centri in cui insistevano i campi.

Leggi anche “Shoah: 27 gennaio, l’Abruzzo e il dovere della Memoria

 

il video

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Shoah: Montesilvano, i treni della vergogna"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*