Scuole Abruzzo: partenza ad handicap

Scuole Abruzzo: partenza ad handicap, in particolare per la questione degli organici, insufficienti le misure adottate ed irrisolto il problema dei fuori sede.

Da lunedì, dunque, parte ufficialmente la stagione scolastica 2017/2018, anche se molti studenti hanno già ripreso, nei giorni scorsi, l’attività. In Abruzzo, al di là del macro-problema legato alla sicurezza degli edifici e agli interventi per l’adeguamento sismico, resta apertissima la questione degli organici. Qualcosa é stato fatto con l’intervento della Regione che ha sbloccato diverse assunzioni, in particolare con circa 50 docenti in più ed una settantina di collaboratori scolastici, ma non basta. In numerosi istituti, denuncia lo Snals, ci sono ancora classi con oltre 30 alunni e le promesse fatte nei mesi scorsi dal Governo non sono state mantenute:

“Fine gennaio eravamo tutti a Roma – spiega Carlo Frascari segretario regionale Snals – ed in quella sede ci fu garantita la soluzione del problema, ma cosi’ non é stato. Quando si dice una cosa va fatta, ma al di là di qualche provvedimento della Regione per iniziativa dell’assessore regionale Marinella Sclocco, la cosiddetta “Buona Scuola” di Renzi prima e Gentiloni poi non ha fatto assolutamente sentire i suoi effetti nella nostra Regione”.

Tutto questo a qualche giorno dall’insediamento nell’Ufficio Scolastico Regionale del nuovo direttore generale  Antonella Tozza che ha preso il posto di Ernesto Pellecchia e dal quale ha ereditato non poche gatte da pelare:

“Avevamo ad esempio individuato un’ottima soluzione per i “fuorisede” – spiega ancora Frascari – ma l’ex direttore generale non ha inteso firmare il documento, non ne comprendiamo la ragione, speriamo che la dottoressa Tozza che presto avrò il piacere d’incontrare e alla quale auguro buon lavoro, consideri nuovamente la questione estremamente delicata perché parliamo di madri di famiglia, prima ancora che insegnanti, costrette a staccarsi dal proprio nucleo.”

Infine la riforma sui vaccini che invade, di fatto, anche il mondo della scuola:

“Premesso che trovo la legge giusta ed opportuna – precisa ancora Frascari – ma come spesso accade in Italia, le questioni più spinose ricadono su chi poi deve mettere in pratica indicazioni spesso anche poco chiare. Con il personale già ridotto all’osso in molti istituti ci si trova a dover affrontare l’intera procedura burocratica in tempi per altro ristretti.”

 

VIDEO: LA DENUNCIA DELLO SNALS:

 

VIDEO: L’INCHIESTA DE “IL CENTRO” SULLA SICUREZZA DELLE SCUOLE:

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Scuole Abruzzo: partenza ad handicap"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*