Sanità: “Tagli di 40 milioni alla spesa farmaceutica ma non agli sprechi”

DXG2C9 Medicine background

Il vice presidente del consiglio regionale Domenico Pettinari denuncia che la Regione ha tagliato 40 milioni di euro di spesa farmaceutica ma senza eliminare gli sprechi e creando problemi alle fasce più deboli della popolazione.

Nel corso di una conferenza stampa il vice presidente Pettinari ha ricordato che l’Abruzzo è maglia nera a livello nazionale per l’acquisto dei farmaci ma il taglio di 40 milioni di euro disposto dalla Regione piuttosto che migliorare la situazione crea problemi alle famiglie meno abbienti e non risolve la questione degli sprechi nel settore sanitario.

Pettinari dice che “Abruzzo maglia nera in Italia per acquisti dei farmaci. I dati da gennaio a settembre del 2018 non lasciano spazio a dubbi. Siamo la sesta regione per spesa farmaceutica ospedaliera e addirittura la prima nel Paese per spesa farmaceutica territoriale convenzionata. Parliamo di una delle più importanti voci di costo della nostra sanità, cioè il 20% del conto economico del servizio sanitario regionale. Un esborso che andrebbe contenuto con un serio studio e una programmazione che elimini le spese superflue ma che continui a garantire l’accesso ai farmaci per tutti quei cittadini che ne hanno reale bisogno.  E invece la Regione cosa fa? Un taglio di 40 milioni di euro senza nessuna programmazione, costringendo le Asl dare meno farmaci. Si taglia la spesa, quindi, senza spiegare come saranno garantiti ai cittadini i farmaci necessari per continuare ad avere condizioni di vita dignitosa. Ancora una volta invece di eliminare i grandi sprechi della sanità pubblica si va a inficiare sui servizi al cittadino”.

Secondo l’AIFA nel 2018 la spesa farmaceutica per la Regione Abruzzo si è attestata su € 347,3 mln, di cui 161,5 mln euro per la spesa convenzionata e 185,7 per gli acquisiti diretti.  Successivamente la Regione Abruzzo ha approvato la Delibera di Giunta n.230 del 6 maggio avente ad oggetto: “Misure di governo della spesa farmaceutica: assegnazione tetti per l’anno 2019 ed obiettivi ai Direttori Generali delle AA.SS.LL. della Regione Abruzzo per il contenimento della spesa farmaceutica per gli anni 2019, 2020 e 2021”.

Nell’analisi della strategia approvata con la DGR n. 230 non è presente nessuna regolamentazione per il contenimento del consumo dei farmaci, unica soluzione prevista è la diminuzione delle prescrizioni.

E’ ovvio che per il contenimento della spesa farmaceutica e la determinazione di tetti di spesa per le singole ASL ci si aspettava un Piano che prevedesse la programmazione di misure strategiche utili a combattere l’uso eccessivo dei farmaci, anche in chiave di protezione e tutela della salute dei cittadini, oltre alla necessità di definire  appositi strumenti e programmi che consentono di individuare le categorie farmaceutiche prioritarie, dal momento che il disallineamento con la media nazionale risulta sensibilmente più marcato  in  alcune categorie di medicinali.

Non è pensabile che l’azione di una Giunta Regionale si limiti a dire alle Asl non prescrivete più i farmaci!”

LE PROPOSTE DEL MOVIMENTO 5 STELLE:

Per risparmiare sulla spesa farmaceutica, invece di tagli indiscriminati andrebbero attuate delle iniziative che rendano il consumo di farmaci più consapevole e meno necessario.

  • FARMACO MONODOSE Altre Regioni sono riuscite ad abbattere del 20% la spesa farmaceutica senza nessun taglio, ma adottando l’utilizzo del farmaco monodose nei presidi ospedalieri, nelle strutture convenzionate e finanche nelle farmacie territoriali, attraverso numerosi tavoli di concertazione con le parti interessate.

 

  • DIGITALIZZAZIONE DEL SISTEMA SANITARIO E’ di fondamentale importanza la realizzazione di un accurato programma di digitalizzazione del Sistema Sanitario a livello regionale, che preveda, attraverso le cartelle cliniche digitalizzate anche la verifica delle prescrizioni e delle terapie farmacologiche e che permetta di avere in tempo reale un quadro di insieme sistematicamente aggiornato sulle patologie, sulle degenze, sulla cittadinanza, in grado di far comprendere con quali strategie agire per rendere le persone consapevoli e formate, traducibili, in ultima analisi, in un migliore stile di vita, in grado di abbattere l’insorgenza di diverse patologie, con contestuale riduzione dell’uso dei farmaci.

 

  • UNA CORRETTA INFORMAZIONE Invece di tagliare i farmaci sarebbe opportuno che la Regione si facesse carico di corretta informazione sui benefici di uno stile di vita salutare, con l’obiettivo di diminuire la necessità dei farmaci con una forma di prevenzione. Le attività informative potrebbero rappresentare un vero e proprio investimento sociale, poiché il corretto utilizzo dei farmaci, il corretto stile di vita e l’adozione di buone abitudini rappresentano valori aggiunti in grado di contribuire al decremento dell’incidenza dei casi di malattie croniche, dei ricoveri, e, in ultima analisi, dell’utilizzo squilibrato dei farmaci.

 

Lo strano caso del gastro protettore  In riferimento ad una corretta informazione salta all’occhio il caso dei Gastro protettori. Tra i farmaci che incidono pesantemente sulla spesa farmaceutica, infatti, oltre gli antibiotici sono inclusi anche gli inibitori della pompa acida (ATC A02BC), per i cui consumi si ipotizza un allineamento al valore più virtuoso tra le quattro AA.SS.LL.

Ma anche in questo caso  nella delibera non vengono evidenziate in alcun modo le modalità strategiche che dovrebbero indurre il cambiamento. Si parla di taglio delle prescrizioni, e basta. Queste categorie di farmaci sono una delle principali che incidono maggiormente sulla spesa farmaceutica regionale, il cui drastico abbattimento dei consumi si potrebbe conseguire anche stimolando corretti stili di vita, alimentazione sana, maggiore movimento. Invece per come sta gestendo la Regione ci saranno solo tagli, lasciando tanti cittadini con il bruciore di stomaco, non solo metaforico.

ELENCO DEI FARMACI NELLA BLACK LIST ASL

Tipologia di farmaco Taglio previsto in Euro
Insuline e analoghi, ad azione lunga 7.259.882
Antiaggreganti piastrinici, esclusa l’eparina 3.669.397
Diazepine, oxazepine e tiazepine 2.919.735
Vitamina D e analoghi 2.485.720
Altri preparati cardiaci 1.959.642
Altri antipsicotici 1.591.387
Inibitori dell’HMG CoA reduttasi in associazione con altre sostanze modificatrici dei lipidi 1.328.348
Preparati inibenti la formazione di acido urico 1.183.676
Eparinici 1.144.221
Biguanidi e sulfonamidi in associazione 1.039.005
Inibitori della monoamino-ossidasi di tipo B 907.485
Betabloccanti 802.270
Ormoni paratiroidei 749.662
Anticolinesterasici 710.206
Antagonisti dell’angiotensina II associati a calcio antagonisti 618.142
Derivati dalla fenilpiperidina 473.471
Dopa e i suoi derivati 473.471
Analoghi delle prostaglandine 473.471
Antiandrogeni 355.103
Betabloccanti selettivi e tiazidi 236.735
Derivati della carbossamide 210.431
Analoghi dell’acido folico 184.127
Inibitori del co-trasportatore SGLT-2 157.824
Antagonisti dei recettori H2 157.824
Analoghi del ricettore GLP-1 157.824
Diuretici ad azione diuretica maggiore e farmaci risparmiatori di potassio 144.672
Inibitori dell’alfa glucosidasi 144.672
Farmaci per il trattamento dell’iperkaliemia e dell’iperfosfatemia 131.520
Inibitori dell’anidrasi carbonica 92.064
Diuretici ad azione diuretica minore e farmaci risparmiatori di potassio 78.912

 

Sii il primo a commentare su "Sanità: “Tagli di 40 milioni alla spesa farmaceutica ma non agli sprechi”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*