Salvini in Abruzzo: unica tappa a Pescara. Annullati gli appuntamenti a Fossacesia e a San Salvo

salvini11

Il leader della Lega e vicepremier Matteo Salvini, questa sera, torna a Pescara ma annulla altre due tappe ‘dell’Estate italiana tour’, in programma per oggi in Abruzzo.

Il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini, infatti, ha cancellato sia il comizio in programma a Fossacesia Marina, questa mattina alle ore 10, sia quello di San Salvo Marina previsto alle 17.

Massima allerta a Pescara dove un chilometro di lungomare sarà off limits dal pomeriggio di oggi fino alle 10 di domani. Ma soprattutto due piazze contrapposte in occasione dell’arrivo di Salvini nel pieno di una crisi politica ormai aperta. Al comizio del leader della Lega, previsto alle ore 21, alla Nave di Cascella, fa da contraltare, in contemporanea, la contromanifestazione, sulla spiaggia della Madonnina,di una rete di associazioni contro il decreto sicurezza bis che, con un fitto tam tam su Facebook, ha diramato inviti per il Presidio per la libertà.

Per motivi di sicurezza tutto il lungomare sarà chiuso al traffico per l’intera serata e uno schieramento di forze dell’ordine impedirà ogni contatto tra le piazze contrapposte. Salvini arriverà soltanto in serata poichè preferisce restare a Roma per seguire l’evoluzione del quadro politico, dopo il colloquio di ieri sera con il presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, ma dovrebbe essere a Pescara intorno alle 19,30 per una serie di incontri politici riservati, all’hotel Carlton dove probabilmente si fermerà anche per la notte se il programma del tour estivo proseguirà senza altre sorprese con la tappa di domani a Termoli.

VIABILITA’ A PESCARA PER  LA VISITA DI SALVINI:

Divieto di transito e sosta e cassonetti sigillati da piazza Primo maggio alla Nave di Cascella, fino all’intero isolato del Carlton. Da via de Amicis verso sud la riviera sarà completamente pedonale.

Dalle 16 di oggi fino alle 10 di domani entra in vigore, infatti, il divieto di sosta e di fermata a largo Mediterraneo e sulla riviera nord, dalla Nave di Cascella (incrocio con largo Mediterraneo)
fino all’incrocio con via De Amicis. Stessi provvedimenti e stessa fascia oraria anche su via Mazzini, su entrambi i lati della strada, dall’intersezione con viale della Riviera all’incrocio con viale Regina Elena, su viale Regina Elena, su entrambi i lati, dall’incrocio con via Mazzini a quello con via De Amici, sul lungomare Matteotti, su entrambi i lati, e in piazza Primo maggio.

Il divieto di sosta e di fermata sarà attivo, dalle ore 16 alle ore 22 di oggi, dall’ingresso principale del lido Alcyone fino a 50 metri a nord e a sud di viale della Riviera, su entrambi i lati della
carreggiata.

Vietata solo la sosta, dalle ore 16 di oggi alle ore 3 di domani, su via De Amicis, su entrambi i lati della strada, dall’intersezione con via Regina Elena all’incrocio con viale della Riviera.
Infine, vietata la sosta e la fermata su entrambi i lati di via Gramsci, per i 150 metri dell’intersezione con piazza I Maggio.

Scattano la rimozione dei cassonetti dei rifiuti e lo svuotamento e la sigillatura dei cestini porta rifiuti e delle isole ecologiche. Divieti di consumo, vendita per asporto e somministrazione
di bevande in contenitori di vetro e lattine, nonché il divieto di abbandono di questo tipo di contenitori, in largo Mediterraneo, per 100 metri su viale della Riviera, per 100 metri sul lungomare Matteotti e nel tratto di spiaggia libera a ridosso della Nave di Cascella.

Ordinanza di Divieto sosta e fermata per Visita Salvini

INCONTRI POLITICI:

Una cena con lo stato maggiore della Lega abruzzese è prevista all’Esplanade. Salvini incontrerà il leader  della Lega in Abruzzo Giuseppe Bellachioma e gli altri dirigenti del partito oltre che sulla situazione politica generale anche sulle fibrillazioni abruzzesi con il governatore Marco Marsilio dopo la nomina del manager della Asl de L’Aquila.

Oggi a Pescara è prevista, alle ore 16, una conferenza stampa dei deputati Giuseppe Bellachioma e Luigi D’Eramo, rispettivamente Segretario della Lega in Abruzzo e Responsabile degli Enti Locali, i quali ieri, nel pomeriggio, hanno incontrato i dieci consiglieri e i quattro assessori regionali del partito. Al termine della riunione è stato in un comunicato stampa è stato evidenziato quanto segue:

“In Regione serve maggior confronto. A sei mesi dalla vittoria aspettiamo ancora di affrontare i temi principali che riguardano la regione Abruzzo. È arrivato il momento di cambiare metodo di lavoro perché dopo sei mesi dalla storica vittoria in Abruzzo del centrodestra, guidato dalla Lega di Matteo Salvini, il clima in regione sembra essersi già incrinato. Fin dall’inizio della legislatura avevamo condiviso con i partiti di maggioranza e con il Presidente un metodo di lavoro e degli obiettivi. Un metodo limpido e sereno, con degli obiettivi chiarissimi: sicurezza, autonomia differenziata, detassazione e rilancio economico delle aree interne e costiere della regione. A sei mesi dalla vittoria, invece, quel confronto e quel metodo di condivisione non esistono più. Il disinteresse del Presidente della Giunta nei confronti delle istanze programmatiche della Lega rischia di allontanare il governo regionale dalla volontà dei cittadini.

La Lega vuole iniziare a realizzare progetti e linee programmatiche, dall’Autonomia differenziata, sulla quale attendiamo ancora la presa di posizione di Marsilio, alla gestione del personale all’interno dell’Istituzione. Per non parlare delle perplessità che abbiamo sulla revisione del bilancio regionale e del mantenimento da parte della Giunta e di alcuni assessori degli impegni che i consiglieri della Lega hanno presentato e votato.

Il senso di responsabilità verso gli abruzzesi ed il rispetto dei ruoli istituzionali che abbiamo dimostrato in questi mesi non deve essere scambiato con una costante ed incondizionata adesione ad azioni politiche e governative non condivise, volte a ribaltare la volontà popolare”.

IL DISSENSO:

Nel post di presentazione della Rete, a cui hanno aderito Anpi Pescara, Libera Abruzzo, Pescara Città Aperta, e che ha promosso il “Presidio per la libertà” si legge “Nasciamo per difendere le nostre radici antifasciste e promuovere la piena attuazione della Costituzione Italiana, al fine di tutelare le persone, gli ultimi, gli indifesi, sempre”.

Il consigliere comunale ed assessore uscente Giovanni Di Iacovo afferma che “Mentre Salvini diffonderà la sua politica di intolleranza, saremo in presidio per difendere umanità e libertà. Saremo in tanti, cittadini, partiti, associazioni, per rispondere alla disumanità. Raccogliendo l’appello di Don Luigi Ciotti, “la disumanità non può diventare legge” non intendiamo fare passi indietro nell’opporci ad una legge che impedisce il salvataggio di vite in mare e prevede nuove restrizioni per chi manifesta pubblicamente il proprio dissenso “.

Il neo segretario regionale del Pd Michele Fina evidenzia che “La sfacciataggine della propaganda è arrivata a un punto tale da pensare e organizzare un giro di comizi per promuovere un progetto, quello della secessione mascherata da autonomia differenziata, in territori che saranno vittime di quel progetto, che se realizzato non farà altro che allargare il divario tra nord e sud del Paese. È la Lega nord che si camuffa e torna all’attacco dell’unità del Paese”.

Potere al Popolo Abruzzo in una nota scrive: Nel “Decreto sicurezza bis” imposto dal leghista Salvini e approvato anche in Senato con la maggioranza dei voti di parlamentari del Movimento Cinquestelle, si denotano evidenti elementi di incostituzionalità, assenza di democrazia e umanità, in quanto vengono ingiustamente penalizzati e criminalizzati coloro si adoperano  volontariamente a salvare delle vite umane nel Mar Mediterraneo, attraverso le imbarcazioni delle O.N.G., inoltre si vuole impedire ogni forma di dissenso nelle piazze inasprendo pene e sanzioni, stabilendo di fatto uno Stato di Polizia, dove la libertà di espressione e di protesta sancite dalla Costituzione Italiana vengono calpestate.

Siamo profondamente indignati dalla presenza di Salvini nel territorio abruzzese,il quale si troverà nella giornata dell’ 8 Agosto a San Salvo, in spiaggia a Fossacesia e Pescara, dove verrà a festeggiare la distruzione dei principi democratici e delle libertà dei cittadini del nostro paese con questo decreto infame e reazionario, in nome di una sicurezza che lui stesso ha messo a repentaglio violando i cardini fondamentali della nostra Costituzione, usufruendo di una maggioranza parlamentare che gli italiani stessi non hanno votato il 4 marzo 2018,dove lui stesso si era candidato alleato con altre forze politiche come Fratelli d’Italia e Forza Italia, dove tuttora si trovano a governare insieme in varie regioni e comuni d’Italia.

All’indomani della conferma con sentenza definitiva in Cassazione per la confisca dei 49 milioni di euro alla Lega, il suo tour denominato (Estate italiana) si può definire meglio come una “Vergogna italiana”.

Il popolo non ha bisogno di questi decreti, nè tantomeno di queste politiche autoritarie e liberticide, ma bensì di un lavoro per tutti, di case dignitose e sicure dove abitare, di vivere in un ambiente sano e senza inquinamento ambientale convertendo ecologicamente la produzione, di avere una sanità pubblica che funzioni e che sia garantita a tutti, di avere finanziamenti per la ricerca e la cultura, di poter costruire delle comunità libere senza odio e discriminazioni.

Il prossimo passo sarà quella di approvare anche l’autonomia differenziata, e se verrà fatto il nostro Abruzzo avrà circa 400 milioni di euro di finanziamenti in meno dallo Stato, con forti ripercussioni sulla scuola pubblica e sulla sanità, mettendo a rischio i bisogni essenziali della nostra Regione.

Pertanto invitiamo i cittadini abruzzesi a partecipare al “presidio per la libertà” a cui noi aderiamo, che si terrà giovedì 8 agosto alle 21 presso la Madonnina a Pescara, per far sentire la nostra voce di dissenso a Salvini e al suo  disumano “Decreto sicurezza bis”.

Il Servizio del Tg8 delle ore 14.00:

https://www.youtube.com/watch?v=oc4Ued36JIA

+++NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO+++

Sii il primo a commentare su "Salvini in Abruzzo: unica tappa a Pescara. Annullati gli appuntamenti a Fossacesia e a San Salvo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*