S.Vito Chietino: Famiglia prigioniera di un palo

This image has been resized with Reshade. To find out more visit reshade.com

S.Vito Chietino: Famiglia prigioniera di un palo caduto da dieci giorni davanti un’abitazione in zona Murata Alta. I Vigili del fuoco non possono intervenire, spetta ai tecnici Telecom ancora “latitanti”.

Il Traliccio Telecom é stato abbattuto da una forte raffica di vento lo scorso 12 gennaio ed é caduto proprio davanti al cancello d’ingresso dell’abitazione di una famiglia che non può uscire con l’auto. Vigili del Fuoco e Carabinieri hanno spiegato che il palo, essendo di proprietà della Telecom, non può essere rimosso se non da personale della Telecom. Nonostante una lunga serie di pratiche avviate tramite 187 ad oggi nessuno si é preoccupato di rimuovere il traliccio e la famiglia comincia a perdere la pazienza. Al di là delle difficoltà logistiche se malauguratamente si rende necessario l’intervento di un’ambulanza per via di un malore all’interno dell’abitazione, questa sarebbe impossibilitata ad intervenire. Sta di fatto che dal 12 gennaio ad oggi il traliccio é ancora lì.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "S.Vito Chietino: Famiglia prigioniera di un palo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*