Roseto: è morto Pio Rapagnà

Lutto a Roseto ed in tutto l’Abruzzo, é venuto a mancare nella notte Pio Rapagnà. Politico e protagonista di migliaia di battaglie civiche, l’ultima quella delle case popolari distrutte dal sisma.

Dalla lotta contro il passaggio dei Tir sulla SS 16 a quella per garantire il diritto alla casa, fino alle tante battaglie contro i costi della politica. Almeno 30 anni di attività su più fronti sempre in difesa dei cittadini per Pio Rapagnà, paladino dell’antipolitica, e forse per questa ragione uno dei politici più amati in Abruzzo, venuto a mancare nella notte, all’età di 73 anni, presso l’ospedale di Giulianova dove era ricoverato dallo scorso 23 maggio per un tumore allo stomaco. Nato a Roseto degli Abruzzo il 24 settembre del 1945, Pio Rapagnà era salito alla ribalta della cronaca, alla fine degli anni ’80, per la sua dura lotta contro il passaggio dei Tir sulla SS16 che all’epoca, oltre al traffico e allo smog, provocava anche diversi incidenti, molti dei quali, purtroppo, mortali. Una battaglia durissima ma vinta con i Tir dirottati sull’A14. Ad inizi degli anni ’90 il suo incontro con Marco Pannella e la sua iscrizione al Partito Radicale, del quale fu anche dirigente nazionale, e nel 1992 la sua elezione al Parlamento, salutata da lui stesso con somma sorpresa ed entusiasmo. Una responsabilità vissuta con grande senso del dovere tanto che in poco più di un anno, prima del terremoto di Tangentopoli, Rapagnà presentò ben 30 proposte di legge e fece 70 interventi in aula. Dopo l’esperienza a Roma, il ritorno in Abruzzo dove fu anche consigliere regionale e nel 2014, con una lista civica, tentò anche la scalata a Palazzo Silone, fu promotore anche di un referendum regionale contro i costi della politica. Nel 2016 provò anche a candidarsi sindaco della sua Roseto. Tutti lo ricordano con la sua immancabile sciarpa rossa al collo, i comizi con il megafono e le sue clamorose proteste con incatenamenti e sciopero della fame. Negli ultimi anni un’altra delle sue battaglie, quella al fianco degli assegnatari delle case popolari distrutte dal terremoto de L’Aquila del 2009, fino a defilarsi pian piano una volta trovatosi di fronte al più acerrimo dei nemici, un tumore allo stomaco che lo ha costretto ad uscire di scena. Sempre al suo fianco la sua splendida famiglia, in particolare la moglie Giovanna Forti, scrittrice e protagonista anche lei in numerose battaglie sociali al fianco dei più deboli.

1 Commento su "Roseto: è morto Pio Rapagnà"

  1. Casualmente, mentre molte giornate le trascorro partendo da casa mia per giungere alla stazione ferroviaria di Roseto e recarmi a volte verso sinistra, altre verso destra, per ottemperare, anche io, alle mie necessità poiché vivo da solo, ho gettato uno sguardo ai tabelloni dei necrologi per strada e ho visto il suo nome, Non ho voluto crederci e ho appunto eseguito la ricerca su internet. Non sto scrivendo per farmi notare da qualcuno, ma devo dire che il dispiacere che sto provando non ha limiti, io ho superato i 74 anni da qualche mese e non pensavo minimamente di dover scrivere quanto e come in precedenza ho fatto! Lui mi ha accolto e inserito nel gruppo che lui ha fondato a Roseto, ma io dopo alcuni primi anni, dal 2007 che ho la residenza a Roseto non me la sono sentita di espormi come mi aveva proposto,
    perché si che ho la residenza, ma sono un siciliano di Catania che ha vissuto a Roma fino a luglio 2006, oltre quaranta anni, e di Roseto conoscevo alcuni emeriti ragazzi del Basket uno dei quali è stato mio Allievo, poi divenendo giocatore di A e della nazionale Juniores…ma non mi sembra corretto parlare di me in questa occasione, mi stringo alla signora Forti e alla figlia che ho conosciuto per suo merito pregandola di accettare le mie sincere condoglianze. INGRAO Gerlando

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*