Ripa Teatina: ragazzo caduto nel pozzo, comunicazione in Procura

pozzo

Comunicazione in Procura dei carabinieri di Chieti sulla caduta nel pozzo di un ragazzino a Ripa teatina

I carabinieri della Compagnia di Chieti hanno rimesso oggi una comunicazione alla Procura della Repubblica relativa alla caduta nel pozzo  a Ripa Teatina di un ragazzino di 13 anni rimasto miracolosamente illeso. Il fatto era accaduto nel tardo pomeriggio di ieri nella campagne di Ripa Teatina. Il ragazzino era insieme al padre, il quale cercava asparagi, quando è salito sull’imboccatura un pozzo e probabilmente a causa del cedimento della lastra di copertura, è precipitato per una quindicina di metri finendo nell’acqua. In seguito all’allarme lanciato immediatamente dal padre, sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Chieti che hanno riportato il 13enne in superficie. Il ragazzino è stato quindi ricoverato in osservazione all’ospedale di Chieti con una prognosi di sette giorni: le sue condizioni di salute sono apparse buone. La comunicazione è finalizzata alla convalida del sequestro del pozzo, il quale è stato messo in sicurezza subito dopo il fatto. Identificato anche il proprietario del terreno.

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Ripa Teatina: ragazzo caduto nel pozzo, comunicazione in Procura"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*