Rigopiano: 2 milioni per rimuovere le macerie

Foto Mario Sabatini-LaPresse26-01-2017 Farindola (PE) ItaliacronacaHotel Rigopiano, i soccorritori all'opera tra le macerie del resort devastato dalla slavinaPhoto Mario Sabatini-LaPresse26-01-2017 Farindola (PE) ItalynewsRigopiano Hotel avalancherescuers at work within the ruins of the resort

2 milioni di euro per rimuovere 8 mila tonnellate di alberi e macerie dell’hotel Rigopiano, distrutto dalla valanga del 18 gennaio scorso.

Sarà bonificata entro il mese di novembre l’area dell’albergo di Rigopiano, a Farindola, distrutto dalla valanga che, il 18 gennaio scorso, si è staccata dal Monte Siella uccidendo 29 persone che si trovavano all’interno del resort. Secondo le stime dei tecnici del Comune di Farindola, che ha dato incarico una ditta per i lavori di smaltimento delle macerie e del legnatico, l’area da bonificare è complessivamente di 8 ettari. Il Comune, essendo stato inserito nel cratere sismico, potrà ricorrere a procedure speciali per lo smaltimento delle macerie e accelerare così i tempi di bonifica.

Già qualche settimana fa il presidente della Regione Luciano D’Alfonso aveva evidenziato che su sua “precisa indicazione il Comune di Farindola è stato inserito nel cratere sismico. Una iniziativa intrapresa per sostenere la comunità farindolese dopo la tragedia che rimarrà indelebile. In seconda battuta il mio obiettivo è dare a quei luoghi simbolo della montagna vestina un futuro. Nelle procedure di bonifica saranno coinvolti anche i rappresenti del comitato delle vittime di Rigopiano”.

 

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Rigopiano: 2 milioni per rimuovere le macerie"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*