Ricercatore abruzzese muore in Francia

flaccofabrizio2

Un ricercatore abruzzese muore in Francia. Fabrizio Flacco di Giuliano Teatino stroncato da un infarto.

E’ morto a soli 34 anni Fabrizio Flacco, ricercatore abruzzese, genio della robotica. E’ stato stroncato da infarto mentre era in Francia. Stava facendo jogging in un parco a Montpellier. Ingegnere , originario di Giuliano Teatino , lascia la moglie Floriana Ricciuti, architetto, anche lei di Giuliano Teatino, e due figlie. Il padre Antonio è fratello del noto medico sportivo Levino Flacco, la madre Rosanna è un’infermiera in pensione. Nel paese della provincia di Chieti la notizia si è sparsa domenica scorsa. In contrada Madonna della Neve, in cui vivono i familiari di Flacco e della moglie, l’intera comunità è addolorata. Il sindaco Nicola Andreacola lo ricorda come un valente studioso che portava alto il nome di Giuliano Teatino nel mondo. A fare chiarezza sulla morte del giovane sarà l’autopsia disposta per domani dalle autorità francesi. I funerali saranno celebrati a Giuliano Teatino quando la salma tornerà in Italia, presumibilmente venerdì prossimo.

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Ricercatore abruzzese muore in Francia"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*