Regione Abruzzo: Il giudice reintegra Zappacosta

Regione Abruzzo: Il giudice reintegra Zappacosta, il direttore del dipartimento Turismo e Cultura, allontanato dal presidente D’Alfonso, deve tornare immediatamente al suo posto così come stabilito, stamane, dal giudice del lavoro Massimo De Cesare.

Di conseguenza é da ritenere nulla il bando con cui la Regione intendeva provvedere alla sua sostituzione. Secondo il giudice l’unico motivo per procedere alla revoca di un incarico dirigenziale é la contestazione della responsabilità che nel caso specifico non é mai avvenuta. Inoltre una revoca formale non era  mai di fatto avvenuta, ma dopo un mese dal suo allontanamento gli era stato offerto un altro incarico in un altro settore, quello dell’Europrogettazione, violando i termini del contratto. A nulla é valsa la motivazione della Regione che parlava di provvedimento dettato dalla riorganizzazione del Dipartimento, ma secondo il giudice si é trattato solo di una semplice rimodulazione . La revoca del suo incarico, sempre secondo il dispositivo del tribunale, si sarebbe giustificata solo in presenza di una soppressione del dipartimento ed avrebbe dovuto, comunque, coinvolgere altri dirigenti che invece sono rimasti al loro posto.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Regione Abruzzo: Il giudice reintegra Zappacosta"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*