Rave Party Casalbordino: maxi processo per 78

Rave Party a Casalbordino: Maxi processo per 78 giovani provenienti da tutta Italia accusato di invasione illegale di terreno privato ed organizzazione senza autorizzazione in un campo in località Santo Stefano.

I fatti risalgono al giugno del 2013 quando i carabinieri di Casalbordino, in collaborazione con i colleghi di Tollo, Ortona, San Vito e Torino di Sangro, spensero la musica, e denunciarono 78 persone. A distanza di quasi tre anni mercoledì prossimo prima udienza davanti al giudice monocratico del Tribunale di Vasto Italo Radoccia. Posti in piedi nell’aula del tribunale, dunque, vista la presenza dei 78 imputati accompagnati dai loro legali. Dovranno rispondere di invasione illegale di terreni privati, nell’occasione l’allora questore ordinò per 18 l’obbligo a non mettere più piede a Casalbordino per almeno tre anni. La difesa punta, invece, a dimostrare che in realtà si trattò solo di un’innocuo momento aggregativo allo scopo di divertirsi un pò.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Rave Party Casalbordino: maxi processo per 78"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*