Prostitute in strada notte e giorno a Montesilvano

prostitute

Prostitute in strada notte e giorno a Montesilvano. Appello dell’associazione dei consumatori contribuenti italiani.

Un tempo erano chiamate  belle di notte e lucciole perchè esercitavano il mestiere più antico del mondo, il meretricio, nelle ore notturne sui marciapiedi. I tempi cambiano e a Montesilvano, come in altre città italiane, le prostitute sono al lavoro anche durante il giorno. Sul lungomare, sul lungofiume e in altre zone della città adriatica si vedono ormai a tutte le ore decine di ragazze a passeggio in abiti succinti alla ricerca di clienti. Sulla riviera ci sono diversi alberghi e, oltre ai cittadini, anche i turisti assistono a scene che non sarebbero consigliate a bambini ed adolescenti. L’associazione dei consumatori contribuenti italiani, di cui è presidente Donato Fioriti, lancia un appello alle istituzioni affinche si ponga rimedio a questo fenomeno ormai dilagante in città.Si chiedono maggiori controlli e questa richiesta verrà nuovamente rivolta  lunedì prossimo quando il presidente Fioriti incontrerà il sindaco Francesco Maragno. A dare battaglia alle prostitute c’è già il consigliere comunale Anthony Aliano insieme ad altri consiglieri e associazioni di cittadini stanchi di assistere a scene a luci rosse. “Questa sera ci battiamo noi” è la manifestazione  in programma per questa sera dopo quella avvenuta la scorsa settimana. Persone armate di fischietti e megafoni dalle ore 21 percorrono la zona dei grandi alberghi fino ad arrivare al confine con Pescara per scoraggiare la prostituzione. Iniziativa che verrà ripetuta per tutta l’estate.

 

2 Commenti su "Prostitute in strada notte e giorno a Montesilvano"

  1. Io non sopporto questa sorta di bigottismo e perbenismo della società, cosa c’è di male in pagare per avere sesso? Ognuno è libero di fare ciò che vuole riguardo alla propria sessualità e non capisco perchè questa società bigotta si scandalizzi così tanto. Ma soprattutto ciò che non riesco proprio a tollerare è l’ipocrisia: prima dicono no alle prostitute poi sono i primi ad andarci… VERGOGNA!

  2. Che male fanno le prostitute maggiorenni e consenzienti ed i loro clienti sulle strade, se non compiono intralcio al traffico, sporcizia e/o atti osceni sotto la vista pubblica? Basta con quest’assurda “Meretriciofobia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*