Prosegue la lotta all’abusivismo commerciale a Chieti

A Chieti il Comune prosegue la lotta contro l’abusivismo commerciale. Multate due persone sorprese a chiedere oboli ai parcheggi.

Molti cittadini plaudono all’iniziativa del Comune di Chieti che prosegue la lotta contro l’abusivismo commerciale in città. Intanto proseguono i controlli della Polizia municipale per contrastare l’attività di individui che richiedono oboli nella aree adibite a parcheggio. I controlli hanno riguardato piazza San Giustino, Largo Rocchetti, Piazza Garibaldi e l’area di sosta del Theate Center. Agenti in borghese, coordinati dalla comandante Donatella Di Giovanni, hanno individuato e sanzionato due persone colte in flagrante, alle quali sono state sequestrate le somme indebitamente percepite.

La Comandante Di Giovanni spiega che “Sulla scorta dei positivi risultati già conseguiti nel corso delle attività svolte contro l’abusivismo commerciale , su input del Sindaco Umberto Di Primio, è stata avviata un’ulteriore attività di controllo del territorio con l’obiettivo di fare un salto di qualità nell’affermare la legalità. Pur sostenendo un enorme sforzo in termini di risorse umane, abbiamo, pertanto, attivato una serie di controlli mirati con agenti in borghese per contrastare il fenomeno dei parcheggiatori abusivi che numerosi cittadini ci hanno segnalato. Tale attività proseguirà nelle prossime settimane. Verranno, altresì, intensificati anche i controlli antiaccattonaggio”.

Il sindaco Umberto Di Primio afferma che “La lotta al contrasto dell’abusivismo in tutte le sue forme, l’attenzione alla legalità e alla sicurezza sono azioni imprescindibili che non possono essere poste in secondo piano. I cittadini chiedono sempre più maggiore attenzione alla vivibilità della città. Le verifiche che la Polizia Municipale sta effettuando sono, pertanto, volte ad infondere una maggiore percezione di sicurezza nei cittadini”.

Sii il primo a commentare su "Prosegue la lotta all’abusivismo commerciale a Chieti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*