Processo Adriatico: ricorso contro le 37 assoluzioni

La Procura antimafia presenta appello contro le trentasette assoluzioni del processo “Adriatico” che vede imputate 62 persone.

La Procura antimafia ha  presentato appello contro le trentasette assoluzioni nell’ambito del processo scaturito dall‘operazione  “Adriatico” , il primo processo per associazione a delinquere di stampo camorristico celebrato a Vasto che ha visto imputate 62 persone. Molte delle assoluzioni sono arrivate per prescrizione del reato. Sono stati ben 299 anni quelli disposti dal Tribunale di Vasto nei confronti di 25 imputati. La Procura antimafia, rappresentata dai pm David Mancini e Antonietta Picardi, ha presentato ricorso in appello contro molte assoluzioni del maxi . Il processo, nato dalle rivelazioni del collaboratore di giustizia Lorenzo Cozzolino si è concluso il 22 marzo 2016. Dopo 12 giorni di camera di consiglio, i giudici hanno condannato 25 imputati a pene che vanno da 22 a 7 anni e 6 mesi di reclusione. La pubblica accusa aveva chiesto complessivamente 549 anni di carcere. Sedici imputati sono stati condannati per associazione a delinquere ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, sei per associazione di stampo camorristico e due per concorso esterno all’associazione.

Sii il primo a commentare su "Processo Adriatico: ricorso contro le 37 assoluzioni"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*