“Preghiera” di Davide Cavuti al Festival di Venezia

Il documentario “Preghiera” del compositore abruzzese Davide Cavuti sarà proiettato domani al 74° Festival del cinema di Venezia.

Il documentario “Preghiera” per L’Aquila e Amatrice sarà proiettato, venerdì 1 settembre, nella Sala Pavilion – Salone Tropicana, a Venezia Lido, alla 74esima “Mostra del Cinema”. L’autore del testo e della musica è il compositore cinematografico e teatrale abruzzese Davide Cavuti. Al progetto hanno partecipato gli attori Lino Guanciale, Edoardo Siravo,Ugo Pagliai, Paola Gassman e Michele Placido.“Preghiera” è anche il titolo della prima traccia della raccolta il cui ricavato sarà interamente devoluto alle popolazioni terremotate di L’Aquila e di Amatrice. Al cd partecipano diciotto dei migliori attori del cinema, del teatro e della musica italiana che hanno interpretato come Davide Cavuti, Giorgio Albertazzi, Luca Argentero, Paolo Bonacelli, Mariangela D’Abbraccio, Arnoldo Foà, Paola Gassman, Vanessa Gravina, Alessandro Haber, Maria Rosaria Omaggio, Ugo Pagliai, Giorgio Pasotti, Michele Placido, Violante Placido, Alessandro Preziosi, Antonella Ruggiero, Edoardo Siravo, Caterina Vertova, Federica Vincenti”. La sceneggiatura di “Preghiera” è firmata da Davide Cavuti con testi liberamente tratti da opere di Benedetto Croce e Ignazio Silone. Laureato in Ingegneria Elettrica a L’Aquila, Cavuti ha debuttato come compositore e autore con molti recital e spettacoli nei teatri della città aquilana quali il Teatro Comunale e il Teatro San Filippo.

Davide Cavuti spiega che si tratta di “un documento video che nasce con lo scopo di tenere accesa la luce sul drammatico evento del 2009 a L’Aquila e sul recente sisma del centro Italia del 2016. L’album “Vitae” nasce, infatti, allo scopo di sostenere le popolazioni colpite dal sisma. Da ex studente universitario della facoltà di ingegneria, sono rimasto molto affezionato a L’Aquila e mi sento in dovere di dare un piccolo contributo alla ricostruzione di questa città senza trascurare un aiuto ai nostri vicini di casa di Amatrice che vivono i postumi della stessa tragedia. Nel mio progetto sono stato sostenuto da tanti artisti che hanno dimostrato grande sensibilità e affetto verso le popolazioni colpite dalla grave calamità. Il Disco ha l’onore di includere le voci di due icone del teatro Giorgio Albertazzi e Arnoldo Foà, che purtroppo hanno lasciato un grande vuoto nella cultura italiana: mi auguro che il pubblico accolga “Vitae”con curiosità ma soprattutto con la stessa sensibilità dimostrata dai protagonisti dell’album. Gli attori coinvolti nel disco interpretano testi inediti, accompagnati da musiche originali scritte da me  raccontano l’amore, la tragedia, la speranza: dalle vite rubate ai desaparecidos argentini alle privazioni delle donne afghane, dagli stenti dei clochard al sacrificio dei giornalisti uccisi in guerra (la voce di Arnoldo Foà interpreta Antonio Russo, giornalista francavillese di Radio Radicale, assassinato nel 2000 durante la guerra di Cecenia). Racconti di esistenze già portati sulla scena di prestigiosi teatri italiani. Il debutto della maggior parte degli spettacoli è avvenuto a L’Aquila”.

L’attore e regista Michele Placido spiega “Quando Davide Cavuti mi ha chiesto di registrare un suo testo originale per Vitae, ho accettato senza esitazione perché questa significativa impresa discografico-letteraria servirà a contribuire alla ricostruzione de L’Aquila, una città a cui mi sento assai vicino perché l’ho conosciuta nei suoi momenti migliori e peggiori, e alle altre zone colpite dal recente sisma. E ‘ quindi un privilegio per me poter contribuire ad una causa che ho a cuore e ringrazio Davide Cavuti di avermi coinvolto insieme a tanti illustri colleghi che hanno collaborato alla realizzazione di Vitae, garanzia di qualità per il risultato finale.”

Oltre ai brani recitati tra le righe del pentagramma, il disco“Vitae” presenta otto tracce musicali di elevato livello qualitativo che vedono la partecipazione delle cantanti Antonella Ruggiero, Federica Vincenti, del trombettista  Fabrizio Bosso, del sassofonista argentino Javier Girotto, del pianista abruzzese Paolo Di Sabatino. Le illustrazioni di copertina sono del Maestro Omar Galliani, autore , nel 2009,  dell’opera “Nella Notte a L’Aquila”. L’anteprima della presentazione dell’album, con la produzione di MuTeArt e la collaborazione del “Teatro dei 99” dell’Aquila, si è tenuta all’Auditorium del Castello dell’Aquila con la prima raccolta fondi devoluta a Riccardo Sanna, studente del Conservatorio “Alfredo Casella” dell’Aquila, per l’acquisto del suo strumento musicale distrutto dal sisma di Amatrice.

Scheda del documentario:

PREGHIERA (2017)

Genere: documentario

Regia: Davide Cavuti

con Lino Guanciale, Edoardo Siravo, Paola Gassman, Ugo Pagliai  con la partecipazione di Michele Placido

Soggetto: Davide Cavuti

Sceneggiatura : Davide Cavuti

Montaggio: Antonio D’Ottavio

Fotografia: Matteo Veleno

Musica:Davide Cavuti

Immagine di copertina: Omar Galliani

Interviste di Mila Cantagallo

Un grazie particolare a Giulio Capone e a Danilo Ronzi per le immagini concesse.

 

ECCO IL TRAILER UFFICIALE DEL DOCU-FILM:

 

 

Sii il primo a commentare su "“Preghiera” di Davide Cavuti al Festival di Venezia"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*