Porto Ortona: subito i lavori di dragaggio

Porto Ortona: subito i lavori di dragaggio é quanto si auspica il presidente della Regione D’Alfonso che questa mattina ha presieduto un tavolo tecnico.

Procedere senza ulteriori ritardi all’affidamento dei lavori di dragaggio del porto di Ortona, sulla base di quanto già stabilito dalla sentenza del Tar. E’ l’orientamento emerso dal tavolo tecnico convocato dal presidente della Giunta regionale Luciano D’Alfonso. Presenti, il consigliere regionale delegato ai trasporti Camillo D’Alessandro, il sindaco di Ortona Leo Castiglione, il presidente dell’Arap Giampiero Leombroni e il presidente della Sasi (la società che gestisce il ciclo idrico integrato in 92 centri della provincia di Chieti) Gianfranco Basterebbe. Gli interventi di dragaggio dello scalo sono al centro di un contenzioso amministrativo, tuttora pendente al Consiglio di Stato, i cui tempi si stanno allungando a causa delle continue rinunce da parte dei consulenti tecnici nominati dallo stesso tribunale.

“Questa situazione – ha sottolineato D’Alessandro – sta procurando enormi danni all’economia portuale ortonese, che conta molto sull’esecuzione dei lavori di dragaggio che porteranno i fondali a 10 metri di profondità. Interventi che rappresentano la svolta per ogni porto a vocazione industriale, in quanto consentiranno l’accesso e l’attracco di navi moderne e con elevato pescaggio, aprendo nuove prospettive non solo per Ortona, ma per tutto l’Abruzzo”. Nella stessa riunione la Sasi ha presentato il progetto per la realizzazione della rete fognante nella zona industriale di Ortona, attualmente non allacciata al depuratore. Una situazione che produce un aumento dei costi sostenuti dalle imprese per lo smaltimento, ma soprattutto un problema di sostenibilità ambientale. Per l’opera è necessario un investimento di un milione di euro, che la Regione implementerà con altre risorse da destinare alla manutenzione della rete viaria e al completamento della stessa in direzione dello stabilimento ex Alimonti. “Due progetti – ha concluso D’Alessandro – strategici per Ortona, a cui si aggiungono quelli in fase di progettazione da parte dell’Arap e finanziati con il Masterplan, come il prolungamento del molo sud e la costruzione della banchina di riva al porto. Saranno a breve trasferiti al Comune anche i fondi, pari a 2 milioni e 600mila euro, per la realizzazione della pista ciclopedonale tra il lido Saraceni e Francavilla, che si collegherà a sud alla Via Verde sull’ex tracciato ferroviario”.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Porto Ortona: subito i lavori di dragaggio"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*