Pista Ciclabile Pescara: La So.Ge.T ottiene la sospensiva

Pista Ciclabile Pescara: La So.Ge.T ottiene la sospensiva. Questa mattina la decisione del Tar in merito all’istanza presentata dai titolari della So.Ge.T e della Vamar contro il Comune di Pescara per l’esproprio di una porzione di terreno che ricade all’interno dell’azienda.

Nel ricorso si chiedeva l’annullamento della deliberazione 109 del 3 agosto 2015 del Consiglio Comunale di approvazione del Piano Particolareggiato di rigenerazione Fontanelle in variante al Piano Regolatore Generale , nonchè la condanna dell’ente comunale al risarcimento dei danni. Nei mesi scorsi i titolari di So.Ge.T e Vamar avevano duramente protestato contro un provvedimento di esproprio di aree ricadenti nelle due aziende, per la realizzazione della pista ciclabile a Fontanelle, che avrebbe determinato l’inevitabile chiusura delle stesse con il conseguente licenziamento di un centinaio di lavoratori.  Considerato che, ad un primo esame – scrivono i giudici amministrativi – l’Amministrazione non appare aver tenuto conto di tutte le ragioni esposte dalla parte ricorrente, anche con le osservazioni al piano particolareggiato; ed in particolare, non appare aver valutato la possibilità di scegliere un tracciato, peraltro già non rettilineo, alternativo , il Tribunale Amministrativo Regionale per l’Abruzzo sezione di pescara accoglie l’istanza cautelare ai fini del riesame, secondo quanto indicato in motivazione e fissa l’ulteriore trattazione all’udienza del 17 giugno 2016.

Sii il primo a commentare su "Pista Ciclabile Pescara: La So.Ge.T ottiene la sospensiva"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*