Pineto: aggredisce l’autista di un autobus per rapinarlo

A Scerne di Pineto un senegalese aggredisce l’autista di un autobus per rapinarlo e viene arrestato dalla polizia.

Un cittadino senegalese è stato arrestato la scorsa notte a Scerne di Pineto. Si tratta di N. M., nato nel 1977 in Senegal, residente a Pavia ma di fatto domiciliato a Montesilvano. L’uomo è risultato anche avere precedenti per analoghi reati predatori e per droga.L’extracomunitario ha aggredito l’autista di un autobus cercando di sottrargli l’incasso della giornata lungo la tratta da Roma a Giulianova. Intorno a mezzanotte è arrivata al 113 una segnalazione, trasferita per competenza territoriale al  Commissariato di Atri, riguardante un’aggressione a scopo di rapina avvenuta ai danni di un’autista , avvenuta nei pressi del deposito bus delle autolinee “Capuani”, in località Scerne di Pineto. Agli agenti la vittima dell’aggressione e della rapina ha descritto il giovane di colore che nel frattempo era fuggito a bordo di una bicicletta di colore rosso. Il rapinatore è stato rintracciato e bloccato sulla Statale 16, direzione Pineto, che stava percorrendo a bordo della bici. L’autista, quando è avvenuto il fatto, era appena rientrato in sede con il pullman da Roma. E’ stato avvicinato dal giovane extracomunitario che insistentemente gli ha chiesto un’offerta.L’autista gli ha dato una bottiglia d’acqua ed un frutto, ma il cittadino straniero, ha iniziato a seguirlo minacciosamente mentre si allontanava dal deposito dei bus. Nel momento in cui l’autista gli voltava le spalle per contare il denaro relativo all’incasso della giornata lavorativa, l’uomo lo ha afferrato velocemente e con forza al collo  dicendogli testualmente “Questa è una rapina !”. L’autista è riuscito ad evitare il peggio liberandosi dalla presa e a mettere in fuga il rapinatore. L’autista ha riportato ecchimosi al collo giudicate guaribili in cinque giorni al Pronto Soccorso.

 

 

Sii il primo a commentare su "Pineto: aggredisce l’autista di un autobus per rapinarlo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*