Pescara: si è spento il primario Luigi Mosca

Si è spento il direttore dell’Unità Operativa Complessa di Pneumologia dell’ospedale civile di Pescara Luigi Mosca.

Il mondo scientifico abruzzese è in lutto per la scomparsa del dottor Luigi Mosca, direttore dell’Unità Operativa Complessa di Pneumologia dell’ospedale civile di Pescara. Lo scorso 12 marzo aveva compiuto 66 anni. Viene ricordato da amici e colleghi per la “Grande esperienza e professionalità”. Fondatore, nel 2014, del reparto di Pneumologia dell’ospedale di Pescara, è morto alle ore 7 nell’hospice “Le Bouganville” dove era ricoverato da circa una settimana a causa del peggioramento delle sue condizioni di salute.

Veniva chiamato Gigi e  il “primario gentile”. Lascia il figlio Giulio, 33 anni e la moglie Isabella. Non ci saranno funerali pubblici. Chi vorrà salutarlo, potrà farlo domani, 19 settembre, alle ore 12 durante una cerimonia di “commiato laico”, nella cappelletta di Sant’Anna, di fronte all’hospice di via Paolini. Sarà sepolto nella cappella di famiglia a Loreto Aprutino, il paese dei suoi genitori Giulio ed Edvige.

Sulla sua pagina Facebook l‘ex presidente della Provincia di Pescara Tino Fortunato Di Sipio scrive “È venuto a mancare l’amico Luigi Mosca, Primario di pneumologia dell’Ospedale Civile di Pescara”.

Pescarabici esprime profondo cordoglio per la sua scomparsa e scrive:

“Era coerente ai suoi principi anche nei comportamenti quotidiani. Avrebbe dovuto tenere una conferenza per la nostra associazione, lui che andava sempre in bici, e che in una recente intervista aveva dichiarato: “L’amministratore deve pensare al bene comune. Dovrebbe avere il coraggio di dire ai cittadini: facciamo una mega isola pedonale e lasciate le auto in periferia. Ma ai pescaresi piace l’auto, quindi dubito che ciò mai accadrà. È una cultura che appartiene ad altri Paesi europei”. Ma si batteva per cambiare questa cultura, come cerchiamo di fare noi nel nostro piccolo. Addio, professore”.

 

Sii il primo a commentare su "Pescara: si è spento il primario Luigi Mosca"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*