Pescara: riconosciuto invalido, ma è morto

ASL-Pescara-invalidità-civile

Pescara: riconosciuto invalido, ma è morto da mesi l’uomo di 92 anni che aveva necessità anche dell’accompagnamento.

Troppo tardi: il sì all’accompagnamento per invalidità civile arriva quando non serve più, e non perché il richiedente sia stato miracolato, ma perché è morto. In questa vicenda è tutto tardivo tranne la morte, quella sì arrivata prematura – nonostante si stia parlando di un 92enne – rispetto al riconoscimento dei propri diritti di cittadino invalido. Non solo l’anziano è convocato dalla Asl per la visita quando era già morto, ma è sempre dopo morto che gli è stato riconosciuta l’indennità di accompagnamento. La vicenda era stata segnalata da Nicola Primavera, direttore provinciale del patronato Inca di Pescara. Queste le tappe: il 21 luglio 2014 la domanda all’Inps per una visita a casa dell’anziano infermo, visita necessaria per vedersi riconosciuti l’invalidità civile da handicap. Nessuno risponde, però; partono le diffide, ma ancora nioente, nemmeno quando l’uomo viene ricoverato in ospedale e poi in una struttura sanitaria di Montesilvano. Il 5 marzo 2015 l’anziano muore, ma a distanza di oltre un anno dalla richiesta, gli viene riconosciuta – postuma – l’invalidità civile. L’accompagnamento, purtroppo, non serve più.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Pescara: riconosciuto invalido, ma è morto"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*