Pescara: rapinano una villa a febbraio scorso ora chiedono di patteggiare

Avevano compiuto una rapina a febbraio scorso in una villa di Pescara, ora in tre chiedono di patteggiare la pena.

Il 6 febbraio scorso tre bosniaci, Ramo Mujkic e Satomi Hadzovic, entrambi 21enni,  Sevko Ramovic, 31 anni, tutti residenti in un campo nomadi della capitale, avevano rapinato una villa di Pescara Colli di proprietà dell’imprenditore Mauro Canta, figlio di Lucia Cieri, alla guida della scuola Pitagora da 40 anni. I ladri, insieme a un quarto complice, rispetto al quale si procede separatamente, fecero irruzione nella villa alle 8 del mattino. Dopo aver tappato la bocca alla madre e picchiato il figlio, armati di cacciavite, minacciarono di morte entrambi, facendosi consegnare denaro, gioielli e altri oggetti di valore. I tre erano stati condannati a quattro anni di reclusione, ora chiedono di patteggiare la pena. L’udienza si terrà il 18 dicembre prossimo.

 

Sii il primo a commentare su "Pescara: rapinano una villa a febbraio scorso ora chiedono di patteggiare"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*