Pescara: la panchina rossa del parco Calipari

A Pescara una panchina rossa è stata collocata al parco Calipari per ricordare Jennifer Sterlecchini e come simbolo della lotta alla violenza di genere.

Per dire no alla violenza sulle donne a Pescara, all’interno del parco Calipari, da oggi c’è una panchina rossa dedicata a Jennifer Sterlecchini , la ventiseienne morta accoltellata agli inizi dello scorso dicembre al culmine di una lite con l’ex fidanzato, Davide Troilo, 32 anni, in carcere con l’accusa di omicidio volontario. Ad inaugurare la panchina il vicesindaco Antonio Blasioli, l’assessore regionale Marinella Sclocco, la madre di Jennifer Fabiola Bacci e i promotori dell’iniziativa.

 

Il vicesindaco Blasioli  ha detto che “La violenza non ha giustificazioni. Questa panchina rossa posta al parco Nicola Calipari da oggi non vuole ricordare la morte di Jennifer Sterlecchini, avvenuta tragicamente per mano della persona che amava, ma la sua vita, che è stata bella e piena di amore e affetti e così aveva il diritto di continuare ad essere. Vuole essere un monito evidente contro la violenza, particolarmente quella di genere, in un parco intitolato ad un’altra persona scomparsa prematuramente qual è stata Nicola Calipari, sicuramente un uomo dal grande valore che l’Italia ha perduto troppo presto mentre liberava degli ostaggi dalle mani dei terroristi. I bambini che si siederanno sulla panchina rossa quando vedranno il nome di Jennifer sulla targa chiederanno ai genitori chi fosse e la storia che sarà loro raccontata avrà funzione di memoria ma anche di crescita, nella convinzione che qualsiasi violenza è ingiusta. Nel nome di Jennifer daremo altri spazi alla memoria e a questa irrinunciabile battaglia contro la violenza di genere ed i femminicidi che, cancellando l’esistenza di donne, madri, fidanzate, compagne, segnano terribilmente anche quella delle famiglie sia delle vittime sia di chi si macchia di tali delitti.”

Sii il primo a commentare su "Pescara: la panchina rossa del parco Calipari"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*