Pescara: la festa dell’Agbe tra passato e futuro

Pescara: la festa dell’Agbe tra passato e futuro domani in Piazza Salotto dalle 18.00 alle 20.00, ed intanto si pensa ad una nuova casa.

Non la consueta raccolta fondi, che pure non smettono di essere necessari, ma innanzitutto un grazie per la grande generosità dimostrata in ogni iniziativa a sostegno dell’Associazione Genitori Bambini Emopatici, sodalizio storico che da anni opera al fianco dei piccoli malati, ma soprattutto dei loro cari. Massimo Parenti, presidente dell’associazione, ha fortemente voluto questo momento anche per informare la cittadinanza su quanto é stato fatto e su quanto é ancora necessario fare:

“Innanzitutto una festa per tutti i pescaresi che in questi anni ci sono stati molto vicini – precisa Parenti – racconteremo loro quanto abbiamo e stiamo facendo a cominciare dalla Casa Agbe che da anni ospita gratuitamente i familiari dei bambini provenienti da fuori che devono sottoporsi a lunghe ed estenuanti cure in ospedale, grazie anche alle loro offerte che non mancano mai in ogni nostra iniziativa. La festa si chiuderà con uno spettacolo della cover band di Adriano Celentano. Inoltre illustreremo quelli che sono i nostri nuovi progetti: a cominciare da una seconda Casa Agbe, quella che abbiamo, per quanto accogliente e funzionale, comincia ad essere inadeguata ad accogliere tutte le richieste e per noi é mortificante dover dire ad un genitore che non c’é posto. Abbiamo già individuato il terreno e la struttura, partiremo a breve con una raccolta fondi, anche se possiamo già contare su una quota importante grazie anche all’amicizia con Lorella Cuccarini e la sua “30 ore per la vita” e al sostegno di tanti altri grandi amici.”

Sii il primo a commentare su "Pescara: la festa dell’Agbe tra passato e futuro"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*