Pescara: in manette un marocchino ed una albanese

polizia-arrestopolizia-arresto

La polizia ha arrestato un marocchino per reati legati allo spaccio di droga e una albanese per sostituzione di persona.

A Pescara gli agenti della polizia di Stato hanno arrestato , ieri mattina in via Alento, Yassine Assimi ,  marocchino di ventotto anni pluripregiudicato, in esecuzione ad un provvedimento di carcerazione emesso dal Tribunale di Pescara per reati inerenti lo spaccio di sostanze stupefacenti e la violazione dell’obbligo di dimora con presentazione presso la stazione dei Carabinieri del Comune ove aveva dichiarato il domicilio e dove di fatto non si era mai presentato. Il personale della Squadra Volante, dopo gli accertamenti di rito, lo ha accompagnato nella Casa Circondariale “ San Donato”. Sempre  ieri, all’aeroporto d’Abruzzo  gli agenti  della polizia di Frontiera hanno arrestato Gabriela Bulla, ventiseienne albanese, accusata di possesso di documento falso e sostituzione di persona. Ora è nella Casa Circondariale di Madonna del freddo a Chieti.

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Pescara: in manette un marocchino ed una albanese"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*