Pescara, cani paggetti e damigelle

Una coppia originaria della provincia di Pescara ha scelto per il matrimonio come ‘damigelle’ e “paggetti” i cani salvati da canili lager in Abruzzo.

Una bellissima storia di amore e rispetto vede protagonista una sposa originaria di un comune della provincia di Pescara e due cani che lei ha ha voluto come ‘damigelle’ e “paggetti” i cani da lei salvati dai maltrattamenti in canili-lager e che alleva nella sua pensione. Nella sala consiliare del comune di Olgiate Comasco nei giorni scorsi si sono sposati Diana Bariletti e Patricio Ciampani, di 44 e 61 anni, entrambi originari del pescarese, che amano tantissimo gli animali ed hanno, pertanto, deciso di lasciare a loro il posto d’onore al matrimonio svoltosi con rito civile. Il paggetto White è un meticcio Pointer di 6 anni e , al momento del si, ha attraversato la sala con il cuscinetto con le fedi, legato sopra la schiena. Diana Bariletti lo aveva trovato abbandonato nel piazzale di un distributore ad Avezzano alcuni anni fa.  Zeus di 8 anni e Youki di 5, due incroci di maremmani che la donna aveva salvato da un canile in Abruzzo e dato in adozione, l’hanno accompagnata nel percorso dalla piazza al Comune. Un giorno di festa con le persone più care, come avviene in ogni cerimonia che si rispetti. Gli animali, i cani in particolare, sono fedeli e grati per le cure e l’affetto che ricevono, talvolta anche molto di più degli umani. Una storia talmente bella che abbiamo voluto raccontarla perchè parla di rispetto per gli animali e di capacità di amare, qualità che se ci sforzassimo di esprimere quotidianamente renderebbero il mondo che ci circonda migliore.

 

 

Sii il primo a commentare su "Pescara, cani paggetti e damigelle"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*